Cliccate sull'immagine per aprire la ventiduesima finestrella del Calendario dell' Avvento

Cliccate sull'immagine per aprire la ventiduesima finestrella del Calendario dell' Avvento
Il Calendario dell'Avvento si concluderà il 25 dicembre

domenica 21 dicembre 2014

Lo specchio di Golconda - Tre monete d'oro e un cuore


Io e tuo padre 

Stanotte il buon Dio ha lasciato sul mio letto tre monete d'oro e un messaggio: " usali come vuoi". 
Io ho speso la prima comprando giocattoli per un nonno triste, che non aveva nulla da regalare al suo nipotino.
La seconda l' ho lasciata nelle tasche di un padre così povero che piangeva tornando a casa senza nulla per i figli.
L'ultima l'ho donata ad un angelo affinché ponesse nella mia mano il sorriso di un bimbo giunto in cielo per portarlo alla madre che lo aveva perso.
Ho finito ciò che avevo, perdonami amore mio perché non ho più nulla da regalare a te per questo Natale se non il mio cuore, però se un po' conosco quel Signore lassù vedrai che mi farà credito.

Buon Natale

Golconda


Tra luci, colori, regali e brillantini, tavole imbandite, giochi, girandole e decorazioni, quel che poi veramente conta è l'amore!

Passo il testimone a Graziana del blog Attimi 

Il nostro Calendario dell'Avvento ha una finestra in più che il 25 dicembre ci porterà nel mondo del Folletto del Vento 



giovedì 18 dicembre 2014

I menestrelli di Natale

William Wordsworth noto per la raccolta delle Ballate Liriche pubblicate nel 1798 insieme a Samuel Taylor Coleridge, rivoluziona il linguaggio della poesia, aprendo la strada al Romanticismo inglese. Pone l'attenzione sul contenuto che non si struttura più sulla rima ma sulle espressioni popolari usate nella vita quotidiana che diventano la manifestazione delle sensazioni che si amplificano in una verità profetica offerta al lettore dal poeta

" Ho detto che la poesia è lo spontaneo straripamento di potenti sensazioni: prende origine dall'emozione ricondotta nella tranquillità "

Ballate Liriche - Prefazione

Durante la stagione natalizia del 1820 scrive questa poesia al fratello Reverendo Dottor Christopher Wordsworth e lo invita a seguirlo, libero da pensieri,  in quell'emozione che si muove e rivive nelle antiche tradizioni della terra natia.

N.B. Nel tradurre per attenermi al testo originale non ho regalato quasi nulla a William Wordsworth, come fanno i grandi maestri della traduzione italiana che hanno la capacità di rendere armonico anche ciò che armonico non è, ma se le concederete un po' del vostro tempo, tra le righe, passo dopo passo, scoprirete tutta la bellezza di questa poesia.


William M. Spittle 


" I menestrelli suonavano i loro canti natalizi
stanotte sotto la gronda della mia casa di campagna
mentre colpiti dalla luna maestosa
gli allori dalle foglie compatte
riflettevano una lucentezza ricca e abbagliante
che sopraffaceva il loro verde naturale.

Tra la collina e la valle ogni brezza
 sprofondava  per riposare con le ali piegate:
l'aria era tagliente, ma non poteva congelare
né controllare la musica delle corde;
così forte e ardita era la banda
che strimpellava gli accordi con mano vivace.

E chi solo ascoltava?* - Riponeva nel cassetto delle donazioni il compenso
per la realizzazione della richiesta di ogni ospite,
offrivano saluti, suonavano la musica
in onore di ogni nome della famiglia
opportunamente pronunciato con una potente ispirazione,
e un allegro Natale auguravano a tutti.

Oh fratello! Riverisco la scelta
che ti  ha portato via dal colle nativo;
e ti ha offerto la gioia
sebbene la piena cura del pubblico spesso dissoda
(solo il Cielo è testimone della fatica)
un terreno arido e ingrato.

Ma vorrei che tu, con me e i miei
avessi udito questo rituale perenne
e avessi visto sui volti brillare
una vera rinascita della luce
che la natura e l'energie rustiche
nella semplice infanzia propagavano attraverso di noi.

Il piacere non ha smesso di esser presente
in questi cicli annuali così attesi
sia che al cancello sontuoso dell'uomo ricco
evochino suoni spontanei,
o siano offerti alla porta
che protegge l’ultimo dei poveri.

Come è toccante quando a mezzanotte
i venti trasportano la neve ovattata, e tutto è buio,
ascoltare e sprofondare di nuovo nel sonno!
O ad un incontro precedente, osservare,
intorno al fuoco ardente, tuttora con il fiato sospeso
l'innocenza che si compiace di se stessa;

il cenno reciproco - la solenne effigie
dei cuori che traboccano di letizia
e qualche lacrima non più trattenuta che aumenta
per i nomi uditi un tempo e ora non uditi più;
lacrime illuminate dalla nenia
per l'infante adagiato nella culla.

Ah! Non solo per i campi di smeraldo
per l'ambiente dei ruscelli più puri e lucenti
della leggendaria Cintura di Citarea*
scintillante prima della vista di Giove Tonante*
nel profondo del cuore ho cara
la terra dove siamo nati e cresciuti!

Salve, antiche usanze! Difesa sicura 
in cui sopravvivono le leggi morali:
frammenti d'amore il cui senso di modestia
si raccoglie così in piccole stanze.
Salve a voi, tradizioni di incontaminata matrice,
e a voi, vecchi monti, che le custodite.

Si paziente con me, fratello! Placa il pensiero
che offende o condanna questa passione; 
se la gaia fantasia mai ti ha portato
dalle fiere sponde del Tamigi
e dalle venerabili torri di Lambeth
verso umili ruscelli e pergole verdi.

Si, può essere, che si fallisca nel trovare
un po' di leggerezza anche nelle giornate più indaffarate,
momenti in cui proiettare uno sguardo indietro
e trarre beneficio da quei raggi gentili
che rivelano tutto il passato lontano 
e attraverso le nuvole a volte vengono rubati,

Quindi, mentre il fragore della città imperiale
pulsa frequente nel tuo orecchio annoiato
l' attenzione desiderata possa io conquistare
per dibattiti meno rigorosi
che né opprimano, né ripugnino
ma colmino la vuota valle con la gioia. "

E chi solo ascoltava?* = Si riferisce a chi accompagnava i menestrelli per raccogliere le offerte da donare ai poveri
Cintura di Citerea* = Citerea è uno dei tanti epiteti di Venere che deriva dal nome dell'antica città di Citéra nelle cui acque nacque la dea dell'amore e della bellezza, pertanto Cintura di Citerea corrisponde alla Cintura o Cintola di Venere, un fenomeno atmosferico per cui su tutto l'orizzonte si diffonde un bagliore rosato dalla forma arcuata che visivamente è molto bello e si verifica appena dopo l'alba o appena dopo il tramonto. 
Giove Tonante* = uno degli epiteti di Giove signore del fulmine e del tuono  

I menestrelli di Natale
William Wordsworth
traduzione di Sciarada Sciaranti


Ciao papà


sabato 13 dicembre 2014

La notte di santa Lucia

Dopo san Nicola, sulla via che muove verso il Natale, in dorso ad un asinello che traina un carretto, annunciata dal suono di un campanello, la notte del 13 dicembre, giunge santa Lucia a portare i doni ai bambini buoni che per non farla arrabbiare devono andare a dormire vincendo la curiosità di vederla e possono lasciare un piattino con dei biscotti per lei e del fieno e una carota per il suo accompagnatore.


La notte di santa Lucia

Questa è la notte di santa Lucia
senti nell'aria la sua magia.
Lei vola veloce col suo asinello
atterra davanti ad ogni cancello.
Ad ogni finestra un mazzolin di fieno
e l'asinello ha già fatto il pieno.
Santa Lucia con il suo carretto
lascia a tutti un gioco e un dolcetto.
porta ai bambini tanti regali
tutti belli, tutti speciali.


Auguri Lucia, amica mia, auguri per oggi e per domani!
Auguri a tutte le Lucie!

Per chi è interessato



lunedì 8 dicembre 2014

" Risplendeva di riflesso ... "

Chi di noi non sorride di gioia nel momento in cui scorge quella luce che illumina gli occhi dei bambini quando sono felici ? Tentiamo di riprodurla nei nostri alberi di Natale e in tutte le nostre decorazioni natalizie, ma, acquista la sua magia, la sua bellezza e il suo vero splendore, solo dopo che viene toccata dallo sguardo di quegli occhi innocenti e puri.
Sembra che anche Charles Dickens la pensasse così e lo spiega in quella che, nella letteratura, è tra le prime descrizioni dell'albero di Natale 


L'albero di Natale 
Albert Chevalier Tayler
1911

" Questa sera, sono stato a guardare un' allegra compagnia di bambini riuniti intorno a quel grazioso giocattolo tedesco, un albero di Natale. L'albero è stato piantato al centro di una grande tavola rotonda, e torreggiava sopra le loro teste. E' stato brillantemente illuminato da una moltitudine di piccoli coni; e ovunque sfavillava e scintillava con oggetti luminosi. C'erano le bambole dalle guance rosee, che si nascondevano dietro le foglie verdi; e c'erano dei veri orologi (movibili con le mani, un minimo, e una capacità infinita di durata della carica) penzoloni da innumerevoli rami; c'erano lucidi tavoli francesi, sedie, reti, armadi, orologi otto giorni*, e vari altri articoli di arredamento domestico (meravigliosamente realizzati, in latta, a Wolverhampton), appollaiati tra i rami, come se fossero in preparazione per qualche fatato governo della casa; c'erano dei giocondi, piccoli uomini dalla faccia larga, molto più gradevoli nell' aspetto di molti veri uomini e nessuna meraviglia, quando togliendo la testa, mostravano di essere pieni di confetti; c'erano violini e tamburi; c'erano tamburelli, libri, scatole da lavoro, scatole per dipingere, scatole di dolciumi, scatole mostra-diapositive e tutti i tipi di scatole; c'erano ninnoli per le ragazze più grandi, molto più brillanti rispetto a qualsiasi tipo d'oro e di gioielli degli adulti; c'erano cestini e puntaspilli in tutte le inclinazioni; c'erano pistole, spade, e striscioni; c'erano trottole a filo*, trottole a molla*, agorai*, nettapenne*, boccette dei sali, carte di conversazione, diffusori di aromi; frutta vera, resa abbagliante artificialmente con la foglia d'oro; imitazioni di mele, pere, e noci, stracolme di sorprese; in breve, come una bella bambina, prima di me, deliziata sussurrò a un altro bel bambino, il suo amico del cuore, "C'era ogni cosa, e di più." Questa la variegata collezione di oggetti strani, raggruppati sull'albero come frutta magica, e risplendeva di riflesso, degli sguardi luminosi che da ogni parte erano diretti verso di lei, alcuni occhi diamantati che l'ammiravano erano quasi a livello della tavola, e alcuni languivano in timida meraviglia sui seni delle belle mamme, delle zie, e delle infermiere, fatta una vivace realizzazione delle fantasie dell'infanzia; e mi misi a pensare come tutti gli alberi che crescono e tutte le cose che fanno parte dell' esistenza sulla terra, hanno i loro ornamenti selvatici che in quel momento erano ben ricordati. " ...


orologi otto giorni*  = Orologi la cui carica dura otto giorni 
trottole a filo - trottole a molla* = Nel testo originale le trottole a filo, che su quattro lati hanno disegnate delle lettere che permettono nel gioco di determinare chi ha vinto e chi ha perso, si chiamano teetotums - le trottole a molla invece si chiamano humming-tops
agorai* = Astucci a forma di cilindro per conservare gli aghi
nettapenne* = formato da pezzetti di panno sovrapposti e cuciti insieme, serviva ad asciugare il pennino bagnato d'inchiostro

Liberamente tratto e tradotto da:
Un albero di Natale
Charles Dickens

Buona festa dell'Immacolata !

Per chi è interessato


venerdì 5 dicembre 2014

" Ti ricordi la prima festa di san Nicola ... ? "


Oggi è la vigilia della festa di san Nicola e a mezzanotte si scopriranno i primi regali delle feste natalizie. 
Io vi mostro il dono più bello ricevuto in questo giorno da Nelle e Tobias: il ricordo del loro amore

- " Questo è il più bel giorno dell'anno, Nelle " - esclamò un grande uomo vigoroso sulla sessantina, con un sorriso luminoso, alla donna dallo sguardo fresco e pulito, che in quel momento scendeva giù per la scala della barca con dei trucioli in mano.
- " Sì, Tobias, " - rispose la donna, - " è infatti il giorno dei giorni per i barcaioli. " 
- " Ti ricordi la prima festa di san Nicola, che abbiamo vissuto insieme, dopo che ci siamo sposati? " 
- " Sì, Tobias, presto saranno passati quarant'anni. " ... 
... " Ah, Tobias! Ci siamo seduti mano nella mano la sera fino alle dieci, come ci eravamo seduti insieme al chiaro di luna, sulle rive della Schelda prima che ci sposassimo. Ma abbiamo fatto anche altre cose, in quel giorno, un sacco di altre cose. Che cosa abbiamo fatto? Ti ricordi, Tobias? " 
- " Oh! oh! Abbiamo fatto le frittelle di mele gialle, posso sentirne l'odore anche adesso. Volevo che mi insegnassi come farle volteggiare, ma io ne lanciai due nel fuoco, e la terza cadde nella bocca del gatto. Sì, sì, Nelle, mi ricordo. " 
- " Ora, amore mio, dobbiamo fare le frittelle di mele ancora in ricordo di quella serata felice, ho portato i trucioli per accendere il fuoco. Un giorno, Riekje e Dolf ricorderanno la bella festa di san Nicola come ora la ricordiamo noi. " ... 

Liberamente tratto e tradotto da:
La vigilia di san Nicola
Camille Lemonnier



Frittelle di mele

Ingredienti:
2 mele golden
marsala q.b.
40 gr. di uvetta
acqua tiepida q.b.

Per la pastella
200 ml. di latte
150 gr. di farina
20 gr. di zucchero
2 uova
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale

Per la frittura
olio extra vergine d'oliva
carta assorbente

Per la decorazione
zucchero q.b.

Procedimento

Preparate la pastella amalgamando i tuorli e il latte, aggiungete la farina setacciata la vanillina e il pizzico di sale, mescolate fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo, lasciate riposare per circa 30 minuti, nel frattempo sbucciate le mele, levate il torsolo e tagliatele dello spessore di 1/2 cm, ponetele in una ciotola, cospargetele di marsala fino a ricoprirle e lasciatele impregnare per circa 30 minuti. Mettete l'uvetta nell'acqua tiepida. Montate gli albumi a neve con lo zucchero e trascorso il tempo necessario aggiungeteli alla pastella mescolandoli dal basso verso l'alto, unite poi le mele e l'uvetta scolate dal liquido. Fate dorare le mele da entrambi i lati nell'olio caldo e ponetele poi sulla carta assorbente, cospargetele se gradite di zucchero e servite. 


Buona vigilia di San Nicola


La sesta finestra del nostro Calendario dell'Avvento è il blog Tra sogni e realtà di Ambra e dei volontari Seneca Milano, a loro il testimone.

Per chi è interessato

domenica 30 novembre 2014

" Tutti intorno al fuoco di Natale "

" Il tempo che è stato, alla maggior parte di noi, quando il giorno di Natale circondava tutto il nostro piccolo mondo come un anello magico, non lasciava mancare o chiedere nulla; unite tra loro le gioie della nostra casa, gli affetti e le speranze; tutto raggruppato e tutti intorno al fuoco di Natale a rendere completo il quadretto che splendeva nei nostri giovani e brillanti occhi ... "

Liberamente tratto e tradotto da:
Cos'è il Natale quando cresciamo 
Charles Dickens

Siamo pronti! Da domani partiamo con il nostro Calendario dell' Avvento! 
Ogni giorno, anche dalla mia home, potrete aprire la finestra dei blog amici che con grande cuore ci accompagneranno fino a Natale . 
Con l'augurio di ritrovare quel piccolo anello magico che da bambini ci faceva brillare gli occhi ...
Buon Avvento a tutti !

Grandiosa l'idea della mia amica Graziana di linkare in questo post, giorno dopo giorno, le finestre/blog che apriamo, in modo che siano sempre accessibili a tutti.


martedì 25 novembre 2014

venerdì 21 novembre 2014

Tutorial irriverente di una composizione autunnale

"... Schizzan di sotto all’ugne nel galoppo
gli aghi i rami le pigne le cortecce... "

In sul vespero
Gabriele D'Annunzio

Occorrente:
7 pigne di Pinus Pinea - Pino domestico
61 pigne di Pinus Mugo - Pino mugo (quando sono ancora verdi sono perfette per fare un ottimo sciroppo per gola e tosse)
1 cestino piatto di vimini di 30 cm di diametro

N.B. Per una buona riuscita attenersi scrupolosamente alla quantità delle pigne e alle dimensioni del cestino

Procedimento:


Porre le sette pigne di pino domestico nel cestino e disporle a piacere in orizzontale o ...


in verticale 


Prendere le 61 pigne di pino mugo e scaravoltarle  a caso ( versarle alla rinfusa - per chi non è italiano) sulle pigne di pino domestico e assestarle con una sgrullata. 
Il risultato sarà ...


questo per la versione orizzontale e ...


questo per la versione verticale. 

Avrete ottenuto così  una magnifica composizione autunnale che profumerà di resina la vostra casa.
Affinché il lavoro sia ben fatto userete due armi segrete che nessuno riuscirà mai a scoprire perché si camufferanno perfettamente nell'insieme ...


 queste

Dedico questo post a tutti coloro che si occupano con passione di veri tutorial
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...