martedì 30 novembre 2021

Il profumo del Natale Express

" ... Era mezzogiorno. Il treno merci avrebbe sostato per oltre un'ora in attesa del treno viaggiatori diretto a Est. Scese dalla carrozza e si incamminò lentamente lungo la banchina verso la stazione. Un fascio di piccoli abeti era stato gettato vicino all'ufficio merci e spargeva nell'aria gelida un profumo di Natale. Qua e la c'era qualche carro, i cavalli protetti dalle coperte. Salendo a spirale, il vapore della locomotiva creava una macchia viola scuro che si spiegava contro il cielo grigio ... "

Uno dei nostri
Willa Cather
Traduzione Anna Maria Paci

Natale Express per il Calendario dell'Avvento 2021

Il profumo del Natale Express, che si dirige a Est dove sorge la vita, nasce dall'incontro dell'essenza di chi scrive e di chi legge; si diffonde e rilascia le sue note olfattive uniche e inimitabili, dalle sensazioni attraverso il cuore raggiunge il pensiero che ne dichiara il grado di gradevolezza.
I link dei partecipanti al Calendario dell'Avvento 2021 verranno attivati dal giorno della pubblicazione in poi.

Buon Avvento!

 
Aria Sacra Tra Rami Ondeggianti



Befana Ridente Intona Note Augurali


Re Magi Rinnovata Energia, Magia, Allegria, Gioia Infinita



Maria Umile Sorella Cedevole Hai Incantato Ovunque



Cuociono A Natale Tradizionali Intingoli

Vie Eleganti Gorgogliano Liete Inspirazioni Aulenti



Alle Tenebre Tutte Estenderai Stella Ammirevole



Camini Infuocano Ontani Con Cortecce Odorose


Sontuosi Alberi Natalizi Tintinnano Illuminati



Cori Ordinati Rilanciano Inni


 Immacolata Maria Madre Annunziata Celeste Opera Luminosa Attendi Tuo Amore


Lanterne Ulite Creano Emozioni




Vieni Eterno Gesù Lieti Incessantemente Attendiamo



Cirri Obesi Renne Iseguono



Padri Eremiti Sentite Cerimonie Eseguono



Festoni Ornano Le Luci Esterne Tra Tetti Innevati



Natalizie Esternazioni Varano Empatie



Camino Acceso Mitiga Inverni Nell'Oscurità



Corri Ora Rigido Inverno



Monaci Iscrivono Racconti Tradizionali Orali

Monaci Iscrivono Riti Religiosi Antichi


giovedì 25 novembre 2021

Il tocco di un petalo

Su di te come
il tocco di un petalo
la mano poggia

Sciarada Sciaranti

Petali di rosa

Tanti auguri Raggio di Sole da me e Sorellina.



Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne

ROMA, 26 novembre - 2006

Mezzogiorno è passato da poco quando M.A., 28 anni, arriva ai ferri corti con P.L., una bella ragazza di 25 anni, sua moglie. I due hanno una bimba piccola e un'esistenza apparentemente normale alle spalle. Ma da un mese il loro appartamentino in un quartiere popolare di Roma è diventato un inferno. Lui è convinto che la moglie abbia una storia con un altro, lei minaccia di andarsene. Improvvisamente M. prende in braccio la bambina, urla che la porta dai nonni e se ne va sbattendo la porta. Ma dopo poco è di ritorno, vuole rientrare e tempesta la porta di pugni. P. ha paura, apre solo uno spiraglio. È la fine. L'uomo entra con una spallata, ha in mano un coltello. La moglie è colpita alla pancia, cerca di scappare per il corridoio, lui la pugnala alla schiena. 15 coltellate, la morte è quasi immediata. Il giorno prima, 25 novembre, a Roma, come in molte altre città del mondo, un folto gruppo di donne aveva manifestato in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Amori Assassini - Storie di violenze sulle donne
Addis Saba, Cristiana di San Marzano, Elena Doni, Paola Gaglianone, Claudia Galimberti, Elena Gianini Belotti, Lia Levi, Dacia Maraini, Maria Serena Palieri, Francesca Sancin, Mirella Serri, Simona Tagliaventi, Chiara Valentini

giovedì 11 novembre 2021

Il contratto di San Martino

La vasta diffusione delle chiese a lui dedicate in tutta Europa è pari alla fiducia provata nei confronti di una persona che oggi potremmo definire carismatica.

La Festa di San Martino - 1565-1568 - Pieter Bruegel - Museo del Prado

La Festa di San Martino
1565-1568
Pieter Bruegel
Museo del Prado

San Martino è un pagano che si converte al cristianesimo, è il guerriero che protegge chi versa in uno stato di necessità, intraprende l'opera di evangelizzazione e offre al mondo dei villaggi l'opportunità di un'apertura mentale che supera il concetto di instrumentum vocale per cui i lavoranti al servizio dei proprietari terrieri sono considerati un semplice mezzo dotato di parola alla stregua di un instrumentum semivocale come i buoi o di un instrumentum mutum come i carri,

" ... Nunc dicam, agri quibus rebus colantur. Quas res alii dividunt in duas partes, in homines et adminicula hominum, sine quibus rebus colere non possunt; alii in tres partes, instrumenti genus vocale et semivocale et mutum, vocale, in quo sunt servi, semivocale, in quo sunt boves, mutum, in quo sunt plaustra ... "

" ... Ora dirò dei mezzi con cui si coltivano i campi, mezzi che alcuni distinguono in due specie: uomini e attrezzi necessari alla loro lavorazione. Altri li distinguono in tre tipi: vocalesemivocale e muto. Al primo tipo appartengono i servi, al secondo i buoi, al terzo appartengono i carri ... "

Rerum Rusticarum libri tres - I-XVII
Marco Terenzio Varrone
Traduzione a cura di Antonio Traglia

la nuova religione riconosce all'uomo la dignità di individuo, qualsiasi sia il suo ruolo all'interno di una comunità, e, passo dopo passo, nel Basso Medioevo si arriva alla nascita del contratto di mezzadria considerato lo snodo di passaggio che dall'agricoltura tradizionale conduce a quella moderna; con quest'alleanza giuridica il mezzadro dal latino medietarius - colui che divide a metà, suddivide i prodotti che coltiva tra lui e il concedente proprietario della terra, e ogni 11 di novembre quando i lavori nei campi sono finiti, si fa festa, l'accordo si conclude e con lo sguardo benevolo di san Martino ci si può trasferire in un altro podere che diventerà casa per il nuovo anno lavorativo. 

Buona Festa di San Martino a tutti!

Per chi è interessato:



Posti liberi: 4
Giorni prenotabili: 2 dicembre - 3 dicembre - 7 dicembre - 8 dicembre - 9 dicembre - 10 dicembre - 11 dicembre - 12 dicembre - 13 dicembre - 16 dicembre - 17 dicembre - 18 dicembre - 19 dicembre - 20 dicembre - 21 dicembre - 22 dicembre - 23 dicembre - 24 dicembre

lunedì 1 novembre 2021

La notte dei morti

La notte dei morti - 2 novembre 2021

I

La casa è serrata; ma desta:
ne fuma alla luna il camino.
Non filano o torcono: è festa.

Scoppietta il castagno, il paiolo
borbotta. Sul desco c’è il vino,
cui spilla il capoccio da solo.

In tanto essi pregano al lume
del fuoco: via via la corteccia
schizza arida.... Mormora il fiume

con rotto fragore di breccia....

II

È forse (io non odo: non sento
che il fiume passare, portare
quel murmure al mare) d’un lento

vegliardo la tremula voce
che intuona il rosario, e che pare
che venga da sotto una croce,

da sotto un gran peso; da lunge.
Quei poveri vecchi bisbigli
sonora una romba raggiunge

col trillo dei figli de’ figli.

III

Oh! i morti! Pregarono anch’essi,
la notte dei morti, per quelli
che tacciono sotto i cipressi.

Passarono.... O cupo tinnito
di squille dagli ermi castelli!
o fiume dall’inno infinito!

Passarono.... Sopra la luna
che tacita sembra che chiami,
io vedo passare un velo, una

breve ombra, ma bianca, di sciami.

La notte dei morti - Myricae 1891
Giovanni Pascoli
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...