mercoledì 2 novembre 2011

Commemorazione dei defunti



E ricordati, io ci sarò.
Ci sarò su nell'aria.
Allora ogni tanto, se mi vuoi parlare,
mettiti da una parte,
chiudi gli occhi e cercami.
Ci si parla.
Ma non nel linguaggio delle parole.
Nel silenzio.

 "La fine è il mio inizio"
 Tiziano Terzani

10 commenti:

  1. Versi struggenti, Sciarada.

    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  2. Grazie Sciarada. Sono parole che confortano.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  3. Versi che entrano e restano indelebili.
    Oggi la giornata del silenzio per ricordare i nostri cari che ci hanno preceduto.
    Grazie cara Sciarada.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Riposino in pace i nostri morti amati.
    Baci, cara Sciarada.

    RispondiElimina
  5. Ottimo Sciarada. E' vero che non è necessario ricordare con le parole i nostri defunti, basta pensarli a lungo ed intensamente. Forse il nostro pensiero potrebbe raggiungerli.
    Buonanotte.

    RispondiElimina
  6. J'ai pensé aux miens, surtout à mon Papa.

    RispondiElimina
  7. Ciao Sciarada. Eccomi finalmente di nuovo. Mi sono piaciute e molto le parole di Terzani. Sono parole che risvegliano la speranza e la gioia di "sentire" nel silenzio chi se n'è andato, senza che ci sia bisogno del rituale che ti porta nei corridoi tristi e freddi dei cimiteri.

    RispondiElimina
  8. Otto versi, un ricamo, un messaggio profondo in un soffio; risultato stupendo!
    P.S.
    Complimenti per la scelta, Sciarada.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. E cosi che possiamo parlare con i nostri cari defunti chiudendo gli occhi ed ascoltare
    complimenti poche parole ma bellissime,
    buon fine settimana,

    Tiziano.

    RispondiElimina
  10. Fine words, indeed ;-)
    Have a nice weekend!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...