lunedì 11 dicembre 2017

Un Natale tra le righe

Terzo gioco nell'undicesima finestra del Calendario dell'Avvento del Focolare dell'Anima 2017 pensata da Golconda, un amico che non ha una particolare predilezione per la virtualità e che ogni tanto mi regala la sua presenza in Anima Mundi. Ho seguito le sue indicazioni e questo è il risultato.

Buon divertimento!
 

Una lettera
a - e - è - I

Due lettere
ci - di - ha - in - io - lo - me - No - su - ti - un

Tre lettere
blù - Che - col - Era - fra - gli - mia - nei - non - più - sia - tre - una - via

Quattro lettere
alla - casa - ciel - Come - dice - indi - miei - nere - nero - papà - Rosa - sono - viva

Cinque lettere
belve - cento - cesta - dieci - dirlo - feste - gente - grida - manzo - pezzo - pollo - rossa - soldi - soldi - tazze - tempo

Sei lettere
abisso - cinque - Dov'era - grazie - Messia - Natale - Natale - Natale - Natale - Natale - noioso - Pincio - rovini 

Sette lettere
Agenore - barbari - brutale - carbone - Cicoria - diamine - Eufemia - festivo - fontana - Gnocchi - ilarità - lagrime -paterna - perline - presepe - spinaci - strilli - Termini

Otto lettere
Aleatico - concesso - condotta - consulto - dilapida - domenica - Gesummio - pennello - promesso -
svociare

Nove lettere
gavazzare - natalizio - Nequitosa - spalliera - ubbidirmi

Dieci lettere
abbastanza - acutissima - giocondità

Undici lettere
Caldallesse - ripostiglio

Dodici lettere
incretinisce - indignazione - intempestivo - ragionamento

Quattordici lettere
immarcescibili

Il gioco consiste nel ridare alle parole in elenco la giusta collocazione nel testo di origine dove sono state sostituite da un numero tra parentesi che ne indica la posizione seguito dal numero delle lettere da cui sono composte. Per esempio (1) --------8 è la parola numero 1 del gioco e deve essere cercata tra quelle disponibili nella sezione 8 lettere.
Voi siete liberi di giocare con tutte le parole occultate se avete tempo e pazienza, con una sola  o con quante più ne vogliate. Il pezzo è probabilmente troppo lungo per un gioco che si esaurisce nel giro di un giorno, ma ci abbiamo provato lo stesso perché meritava di essere condiviso nella sua interezza per offrire tutte le sfumature di un quadro ilare, paradossale e quasi surreale di determinati luoghi comuni che a Natale si impossessano della mente di chi come Policarpo sale se vogliamo ingenuamente sulla ruota panoramica delle gabbie per criceti e nega l'evidente esistenza di altre possibili realtà, condannando  sé stesso e  gli altri alla tristezza vestita per le feste.
Il Natale è un concerto di sensazioni, di sentimenti e di pensieri, e la melodia che ne scaturisce dipende da quello che ognuno di noi ci mette dentro. 

Domani la soluzione con la dodicesima finestra del Calendario dell'Avvento del Focolare dell'Anima

È la mattina di (1) -------8. Dalle nove alle undici, (2) --------8 tra Eufemia, Policarpo e Rosa, per decidere il programma del pranzo (3) ---------9. Solamente alle undici e un quarto la lista definitiva rimane composta così, a base di patate:

(4) -------7 al sugo, 
Patate con contorno di (5) -----5,
Arrosto di (6) -----5 con contorno di patate,
Patate fritte con contorno di (7) -------7,
(8) -------7 e patate per insalata,
Mezzo fiaschetto di (9) --------8,
(10) -----------11, invece di marrons glaces troppo indigesti,
Sei (11) -----5 di cialdoni,
Tre mele e quattro (12) -----5 di formaggio.

Policarpo vorrebbe aggiungere alla lista due (13) -----5 di caffè: ma resta spaventato dalla propria audacia.

Combinato il pranzo, la famiglia De-Tappetti procede al proprio abbigliamento (14) -------7. Agenore, col pennello da barba, insapona religiosamente una (15) ---------9 di seggiola, e ogni tanto strilla, con voce (16) ----------10:

- Papà, oggi che è (17) ------6, mi ci porti al teatro meccanico?

Policarpo fruga in ogni (18) -----------11 e grida:

- (19) -------7.

EUFEMIA. - Che hai, che (20) -------7?

POLICARPO. - In nome di quei doveri di sposa e di madre, a cui si deve ispirare la tua (21) --------8, mi sai dire dove (22) -------7 hai ficcato il lustro per le scarpe?

EUFEMIA (alla serva). - (23) ----4: dove avete messo il lustro per le scarpe? dov’è il mio talma, quello con le (24) -------7 nere?

POLICARPO (esterrefatto). - (25) --------8! Si sarebbe perduto il tuo talma! dunque la mia famiglia è sopra un (26) ------6?

AGENORE. - Papà oggi ch’è (27) ------6, mi ci porti al teatro meccanico?

Policarpo, volgendosi verso (28) -------7, lo vede più che mai dedicato all’insaponatura della spalliera, e gli (29) -----5:

- (30) ---------9 creatura, tu sperperi in tal modo quella schiuma che è precisamente destinata al mento del genitore? e tu mi (31) ------6, con tanta animadversione, quella seggiola, che servì di base alla santa memoria di tuo nonno? e tu manometti con precoce impulso di (32) -------7 malvagità, quel pennello cui può solamente adibire la barba (33) -------7?

EUFEMIA (minacciando Agenore). - Metti subito via il (34) --------8 se no ti tiro quello che mi viene alle mani.

POLICARPO. - Ed (35) --2 quello che mi viene ai piedi, che poi sarebbe il frutto della mia legittima - (36) -----------12.

La serva con faccia stordita, esce, tutta impolverata, dalla cucina e (37) ----4:

- Signora, il lustro (38) ---3 si trova.

POLICARPO. - (39) ----4: non si trova? Bisognerà trovarlo per forza. I miei mezzi non permettono enormi spese voluttuarie in tante scatole di lustro. Ne abbiamo comprata (40) ---3, che non sono neppure (41) ---3 mesi. (agitato da fiero sospetto) Ma dunque voi me lo mangiate?

AGENORE. - Papà: oggi che è (42) ------6 mi ci porti al teatro meccanico?

La signora Eufemia, tutta (43) -----5, scalmanata:

- Ecco qua: l’ho trovato io il lustro, (porgendolo a Policarpo) era (44) ---3 le tue carte.

POLICARPO (alzando il lustro e gli occhi al cielo). - Fra i (45) ----4 documenti! Fra quelle pagine (46) --------------14, che sono il testimonio oculare della mia integrità cittadina! (principiando a lustrare) Un giorno, (47) --2 questo passo, lo troveremo nella sporta del pane, o nella concolina in cui ci laviamo le fisonomie familiari, o (48) --2 quel cuscino, ch’è il capezzale delle mie notti. Eufemia: casa De-Tappetti è nella (49) ---3 assoluta decadenza. (scopettando con rabbia) Agenore: lascia stare il gatto! Te l’ho detto (50) -----5 volte.

AGENORE. - Papà: l’ho mandato (51) ---3 perché era sullo scendiletto e stava facendo....

POLICARPO (con amarezza). - Anche l’altro giorno era sul mio soprabito (52) ---3 e fece....quel gatto non (53) --2 principio di educazione!

AGENORE. - Papà: oggi ch’è (54) ------6, mi ci porti al teatro meccanico?

POLICARPO. - Quanto sei (55) ------6 e degenere, figlio mio!

EUFEMIA (irritata). - E tu rispondigli una volta, senza farlo (56) --------8.

POLICARPO (al figlio). - (57) ---3 vuoi? parla! e parla senza omologare di singhiozzi il tuo (58) ------------12.

AGENORE. - Papà: oggi ch’è (59) ------6, mi ci porti al teatro meccanico?

POLICARPO (con voce solenne). - Prima di tutto, dobbiamo andare (60) -1 spasso, e per via decideremo quale spettacolo convenga alla puerizia. (61) -1 soli divertimenti educativi dovranno, onestamente, ricreare questo connubio nell’atto che, manoducendo la sua prole, si permetterà di (62) ---------9, senza (63) ------------12 dispendio.

Entra Rosa con un cencio (64) ----4 in mano, che butta in braccio alla signora Eufemia.

ROSA. - Ecco il talma con le perline (65) ----4.

EUFEMIA. - (66) ---'---6?

ROSA. - (67) ---3.... era....

POLICARPO. - Siate veridica (68) ---3 vostri domestici referti.

ROSA. - Io non so chi ce (69) --2 abbia messo, ma era sulla cesta del carbone.

EUFEMIA. - Il mio talma sulla (70) -----5 del carbone!.

POLICARPO. - Il (71) -------7 sul talma della cesta di mia consorte?

Rosa sparisce di corsa, (72) --2 cucina.

Policarpo fissa sul talma due occhi pieni di (73) -------7.

La signora Eufemia (74) ------------12 a vista d’occhio.

POLICARPO (con gesto pieno di nobiltà e di energia). - Mostriamoci forti (75) -1 parati sempre, nelle più dure controversie della vita. Mettiti quel talma che (76) --2 costa tanti dolori e usciamo. Nulla turbi la nostra festiva (77) ----------10 natalizia.

La signora Eufemia eseguisce meccanicamente. Escono tutti e tre. Poca (78) -----5 nelle vie.

Policarpo trascina Eufemia, che trascina Agenore, che trascina (79) --2 carrettino sfiancato mediante un (80) -----5 di spago.

La famiglia De-Tappetti si reca al (81) ------6. Sono le dodici e mezzo, e in tutto il Pincio non si vedono (82) -----5 persone. Policarpo costringe il figlio a leggere i nomi dei grandi uomini in marmo; (83) ----4 gli infligge un’ammirazione di un quarto d’ora avanti ai cigni del laghetto. In ultimo (84) --------8 la somma di tre soldi per procurargli (85) ------6 minuti d’altalena.

Dal Pincio, la famiglia De-Tappetti corre a San Pietro. Sulla piazza non c’è anima (86) ----4. Policarpo spiega il sistema ingegnoso (87) ---3 quale fu eretto l’obelisco, mediante funi riscaldate, secondo lui, mentre il Papa gridava: Fuori i (88) ------6!

Da San Pietro, la famiglia De-Tappetti corre a piazza di Termini per vedere i cartelloni del serraglio delle (89) -----5.

Da piazza di (90) -------7, la famiglia De-Tappetti corre nella chiesa d’Aracoeli, dove Agenore declama la seguente poesia davanti al (91) -------7:

Queste (92) -----5 natalizie
Faccia il (93) ----4 che concilii
Le sue (94) ------6 piú propizie
Come ciò che ci ha (95) --------8
Dopo avercelo (96) --------8
Ch’apparisce (97) ----4 capanna
E nascesseci il (98) ------6;
Tra (99) ---3 evviva tra gli osanna
Gridiam tutti e così (100) ---3.

Versi, manco a (101) -----5, di Policarpo.

Dall’alto della scalinata dell’Aracoeli, la famiglia De-Tappetti si precipita verso (102) ----4.

POLICARPO (con gioia repressa dalla dignità). - Che ne dici, moglie (103) ---3? Ci siamo divertiti (104) ----------10?

EUFEMIA (cascando a pezzi). Quanto a (105) --2....

POLICARPO. - E tu, Agenore, (106) --2 sei divertito?

AGENORE. - (107) --2, papà.

POLICARPO. - Ecco le conseguenze dell’abuso dei piaceri! Agenore, ti do cinque minuti di (108) -----5, per rettificare la tua primitiva asserzione.

AGENORE. - Ma io mi (109) ----4 seccato.

POLICARPO. - E io, forse, non mi sono seccato piú di te? Ma oggi (110) -1 festa, e tu devi imitare la paterna (111) -------7. Ti ordino di essere contento, e di abbandonarti a segni di giubilo manifesto. Vuoi (112) ---------9, sì o no?

AGENORE. - Ti ubbidisco subito, (113) ----4.

E si mette a piangere come una (114) -------7.

Il Natale - La Famiglia De-Tappetti
Luigi Arnaldo Vassallo 

La decima finestra di Maurizio è attiva se volete aprirla cliccate su CARTATADIRESCHE

martedì 12 dicembre 2017

Poiché Sari e Verbena hanno dato un sostanzioso contributo alla soluzione del gioco, ho pensato di lasciare un po' più di tempo a chi ancora si volesse cimentare con le rimanenti parole occultate. Ripropongo il testo con le parole trovate e ve le indico nell'elenco iniziale con il colore verde. Qualcuno vuole prendere il testimone lasciato da Sari e Verbena?


Il testimone lasciato da Sari e Verbena è stato preso in consegna da Negus ed Elettra, il gioco è concluso, grazie a tutti!



È la mattina di domenica. Dalle nove alle undici, consulto tra Eufemia, Policarpo e Rosa, per decidere il programma del pranzo natalizio. Solamente alle undici e un quarto la lista definitiva rimane composta così, a base di patate:

Gnocchi al sugo,
Patate con contorno di pollo,
Arrosto di manzo con contorno di patate,
Patate fritte con contorno di spinaci,
Cicoria e patate per insalata,
Mezzo fiaschetto di Aleatico,
Caldallesse, invece di marrons glaces troppo indigesti,
Sei soldi di cialdoni,
Tre mele e quattro soldi di formaggio.

Policarpo vorrebbe aggiungere alla lista due tazze di caffè: ma resta spaventato dalla propria audacia.

Combinato il pranzo, la famiglia De-Tappetti procede al proprio abbigliamento festivo. Agenore, col pennello da barba, insapona religiosamente una spalliera di seggiola, e ogni tanto strilla, con voce acutissima:

- Papà, oggi che è Natale, mi ci porti al teatro meccanico?

Policarpo fruga in ogni ripostiglio e grida:

- Eufemia.

EUFEMIA. - Che hai, che strilli?

POLICARPO. - In nome di quei doveri di sposa e di madre, a cui si deve ispirare la tua condotta, mi sai dire dove diamine hai ficcato il lustro per le scarpe?

EUFEMIA (alla serva). - Rosa: dove avete messo il lustro per le scarpe? dov’è il mio talma, quello con le perline nere?

POLICARPO (esterrefatto). - Gesummio! Si sarebbe perduto il tuo talma! dunque la mia famiglia è sopra un abisso?

AGENORE. - Papà oggi ch’è Natale, mi ci porti al teatro meccanico?

Policarpo, volgendosi verso Agenore, lo vede piú che mai dedicato all’insaponatura della spalliera, e gli grida:

Nequitosa creatura, tu sperperi in tal modo quella schiuma che è precisamente destinata al mento del genitore? e tu mi rovini, con tanta animadversione, quella seggiola, che servì di base alla santa memoria di tuo nonno? e tu manometti con precoce impulso di brutale malvagità, quel pennello cui può solamente adibire la barba paterna?

EUFEMIA (minacciando Agenore). - Metti subito via il pennello se no ti tiro quello che mi viene alle mani.

POLICARPO. - Ed io quello che mi viene ai piedi, che poi sarebbe il frutto della mia legittima indignazione.

La serva con faccia stordita, esce, tutta impolverata, dalla cucina e dice:

- Signora, il lustro non si trova.

POLICARPO. - Come: non si trova? Bisognerà trovarlo per forza. I miei mezzi non permettono enormi spese voluttuarie in tante scatole di lustro. Ne abbiamo comprata una, che non sono neppure tre mesi. (agitato da fiero sospetto) Ma dunque voi me lo mangiate?

AGENORE. - Papà: oggi che è Natale mi ci porti al teatro meccanico?

La signora Eufemia, tutta rossa, scalmanata:

- Ecco qua: l’ho trovato io il lustro, (porgendolo a Policarpo) era fra le tue carte.

POLICARPO (alzando il lustro e gli occhi al cielo). - Fra i miei documenti! Fra quelle pagine immarcescibili, che sono il testimonio oculare della mia integrità cittadina! (principiando a lustrare) Un giorno, di questo passo, lo troveremo nella sporta del pane, o nella concolina in cui ci laviamo le fisonomie familiari, o su quel cuscino, ch’è il capezzale delle mie notti. Eufemia: casa De-Tappetti è nella piú assoluta decadenza. (scopettando con rabbia) Agenore: lascia stare il gatto! Te l’ho detto cento volte.

AGENORE. - Papà: l’ho mandato via perché era sullo scendiletto e stava facendo....

POLICARPO (con amarezza). - Anche l’altro giorno era sul mio soprabito blú e fece....quel gatto non ha principio di educazione!

AGENORE. - Papà: oggi ch’è Natale, mi ci porti al teatro meccanico?

POLICARPO. - Quanto sei noioso e degenere, figlio mio!

EUFEMIA (irritata). - E tu rispondigli una volta, senza farlo svociare.

POLICARPO (al figlio). - Che vuoi? parla! e parla senza omologare di singhiozzi il tuo ragionamento.

AGENORE. - Papà: oggi ch’è Natale, mi ci porti al teatro meccanico?

POLICARPO (con voce solenne). - Prima di tutto, dobbiamo andare a spasso, e per via decideremo quale spettacolo convenga alla puerizia. I soli divertimenti educativi dovranno, onestamente, ricreare questo connubio nell’atto che, manoducendo la sua prole, si permetterà di gavazzare, senza intempestivo dispendio.

Entra Rosa con un cencio nero in mano, che butta in braccio alla signora Eufemia.

ROSA. - Ecco il talma con le perline nere.

EUFEMIA. - Dov’era?

ROSA. - Era.... era....

POLICARPO. - Siate veridica nei vostri domestici referti.

ROSA. - Io non so chi ce lo abbia messo, ma era sulla cesta del carbone.

EUFEMIA. - Il mio talma sulla cesta del carbone!.

POLICARPO. - Il carbone sul talma della cesta di mia consorte?

Rosa sparisce di corsa, in cucina.

Policarpo fissa sul talma due occhi pieni di lagrime.

La signora Eufemia incretinisce a vista d’occhio.

POLICARPO (con gesto pieno di nobiltà e di energia). - Mostriamoci forti e parati sempre, nelle piú dure controversie della vita. Mettiti quel talma che ci costa tanti dolori e usciamo. Nulla turbi la nostra festiva giocondità natalizia.

La signora Eufemia eseguisce meccanicamente. Escono tutti e tre. Poca gente nelle vie.

Policarpo trascina Eufemia, che trascina Agenore, che trascina un carrettino sfiancato mediante un pezzo di spago.

La famiglia De-Tappetti si reca al Pincio. Sono le dodici e mezzo, e in tutto il Pincio non si vedono dieci persone. Policarpo costringe il figlio a leggere i nomi dei grandi uomini in marmo; indi gli infligge un’ammirazione di un quarto d’ora avanti ai cigni del laghetto. In ultimo dilapida la somma di tre soldi per procurargli cinque minuti d’altalena.

Dal Pincio, la famiglia De-Tappetti corre a San Pietro. Sulla piazza non c’è anima viva. Policarpo spiega il sistema ingegnoso col quale fu eretto l’obelisco, mediante funi riscaldate, secondo lui, mentre il Papa gridava: Fuori i barbari!

Da San Pietro, la famiglia De-Tappetti corre a piazza di Termini per vedere i cartelloni del serraglio delle belve.

Da piazza di Termini, la famiglia De-Tappetti corre nella chiesa d’Aracoeli, dove Agenore declama la seguente poesia davanti al presepe:

Queste feste natalizie
Faccia il
ciel che concilii
Le sue
grazie piú propizie
Come ciò che ci ha
concesso
Dopo avercelo promesso
Ch’apparisce alla capanna
E nascesseci il Messia;
Tra gli evviva tra gli osanna
Gridiam tutti e così sia.

Versi, manco a dirlo, di Policarpo.

Dall’alto della scalinata dell’Aracoeli, la famiglia De-Tappetti si precipita verso casa.

POLICARPO (con gioia repressa dalla dignità). - Che ne dici, moglie mia? ci siamo divertiti abbastanza?

EUFEMIA (cascando a pezzi). Quanto a me....

POLICARPO. - E tu, Agenore, ti sei divertito?

AGENORE. - No, papà.

POLICARPO. - Ecco le conseguenze dell’abuso dei piaceri! Agenore, ti do cinque minuti di tempo, per rettificare la tua primitiva asserzione.

AGENORE. - Ma io mi sono seccato.

POLICARPO. - E io, forse, non mi sono seccato piú di te? Ma oggi è festa, e tu devi imitare la paterna ilarità. Ti ordino di essere contento, e di abbandonarti a segni di giubilo manifesto. Vuoi ubbidirmi, sì o no?

AGENORE. - Ti ubbidisco subito, papà.

E si mette a piangere come una fontana.

Il Natale - La famiglia De- Tappetti
Luigi Arnaldo Vassallo


La tredicesima finestra del Calendario dell'Avvento del Focolare dell'Anima si aprirà nel blog di Antonella Il tempo ritrovato

27 commenti:

  1. trop difficile pour moi :))) biz

    RispondiElimina
  2. gioco carino ma..aspetto domani per la soluzione. Ciaoooo

    RispondiElimina
  3. Cara Sciarada, ho dato uno sguardo, vedo che il gioco è molto lungo, e purtroppo se mi concentro mi gira la testa.
    Ciao e buona settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi prendo tutto l'abbraccio e lo ricambio insieme al sorriso, grazie e buona settimana anche a te!

      Elimina
  4. 1- Domenica / 2- Consulto / 3- natalizio / 4- Gnocchi / 5- Pollo / 6- Manzo / 7- Spinaci / 8- cicoria / 9- Aleatico / 10 Caldallesse / 11- Soldi / 12- Soldi / 13- Tazze / 14- Festivo / 15- Spalliera / 16- Acutissime /17- Natale / 18- Eufemia / 20- Strilli / 21- Condotta / 22- Diamine / 23- Rosa / 24- Perline / 25- Gesummio / 26- Abisso / 27- Natale / 28- Agenore / 29- Grida / 30 Nequitosa / 31- Rovini / 32- Brutale / 33- Paterna / 34- Pennello / 35- Io / 36- Indignazione / 37- Dice / 38- Non / 39- Come / 40- Blu / 41- Tre / 42- Natale / 43- Rossa / 44- Fra
    Il gioco è lungo e per adesso mi fermo qui. Passo il testimone...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima Sari, fare questo gioco davanti a uno schermo di computer non è facile. Le parole dalla numero 1 alla 17 hanno una perfetta corrispondenza, poi ti è sfuggita la parola 18 e l'hai sostituita con la 19, la sequenza successiva dalla 20 fino alla 39 è corretta, la 40 non ha la collocazione giusta e le altre sono perfette. I miei complimenti!

      Elimina
  5. Perdonami se non sono al passo con il tuo pensiero, ti prego di scusarmi.
    Il mio abbraccio Sciarada
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio abbraccio per te e di cosa ti devo scusare? Ci hai regalato una poesia bellissima!

      Elimina
  6. Molto divertente il testo e coinvolgente il gioco. Io ho trovato le parole mancanti dalla poesia di Policarpo:
    92-feste/ 93-ciel/94-grazie/95-concesso/96-promesso/97-alla/98-Messia/99-gli/100-sia. Spero siano giuste. Complimenti all'autore del post. Buona serata a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima anche tu Verbena, la poesia di Policarpo è ricostruita in modo perfetto. Complimenti a te e riferirò all'autore che sarà contento, grazie e buona giornata!

      Elimina
  7. Passo domani per vedere la soluzione. Buona serata dal Piemonte, dove , dopo la nevicata, è arrivata la pioggia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E un freddo carissimo Costantino, ma va bene così, in giornata mi auguro di aggiungere la soluzione definitiva. Un abbraccio!

      Elimina
  8. 45) miei
    46) immarcescibili
    47) di
    48) su
    49) più
    50) cento
    51) via
    52) blù
    53) ha
    54) Natale
    55) noioso
    56) svociare
    57) Che
    58) ragionamento
    59) Natale
    60) a
    61) I
    62) gavazzare
    63) intempestivo
    64) nero
    65) nere
    66) Dov’era
    67) Era
    68) nei
    69) lo
    70) cesta
    71) carbone
    72) in
    73) lagrime
    74) incretinisce
    75) e
    76) ci
    77) giocondità
    78) gente
    79) un
    80) pezzo
    81) Pincio
    82) dieci
    83) indi
    84) dilapida
    85) cinque
    86) viva
    87) col
    88) barbari
    89) belve
    90) Termini
    91) presepe

    RispondiElimina
  9. Gioco simpatico e divertente,lungo da risolvere ma non difficile.L'ho completato,quasi tutto...Bello incontrarci ogni volta,un simpatico appuntamento fra amici...Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Chicchina, non è difficile come gioco, più complicato forse è risolverlo attraverso uno schermo.
      ...Liberi con la voglia di esserci e di ritrovarsi, bello anche per me, ciao!

      Elimina
  10. Va bene mi impegno: 101 dirlo - 102 casa - 103 mia - 104 abbastanza - 106 ti - 107 No - 108 tempo - 109 sono - 110 è - 111 ilarità - 112 ubbidirmi - 113 papà - 114 fontana.
    Bel gioco!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima la mia Elettra, grazie per aver concluso il gioco!

      Elimina
  11. A me toccano le ultime due parole: la 18 è ripostiglio e la 40 è una. Gioco finito! Grazie a tutti!

    RispondiElimina
  12. Chi tardi arriva male alloggia.

    Patrizia

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...