mercoledì 22 settembre 2010

Batacchi

Dall'età classica fino agli inizi del XX secolo, fin quando nelle città non fu adottata l'elettricità con la conseguente nascita dei campanelli, il batacchio, battente o picchiotto, fu adoperato per annunciare l'arrivo degli ospiti e fu realizzato nelle forme più varie con i più svariati materiali.
Nel XV secolo, ispirati dalle figure, dei bestiari, zoomorfe, antropomorfe o architettoniche, per la realizzazione ci si avvalse del ferro battuto abilmente scolpito e del bronzo modellato con la tecnica di fusione "a cera persa"; il Vir Pilosus - l'Uomo Villoso fu un modello di batacchio molto in voga in questo periodo.
Nel XVI e XVII secolo si aggiunsero le riproduzioni degli stemmi familiari, nel XVIII predominarono i batacchi in ghisa che raffiguravano i grifoni, le aquile e i delfini e nel XIX secolo durante il periodo neoclassico in tutta Europa ci si ispirò all'arte egiziana, alle teste di leone, di Medusa, vennero riprodotti anche fiori e pugni serrati su un perno. Nella loro decorazione ornamentale, non mancarono neanche motivi rinascimentali come figure grottesche, geometriche o ancora anelli ovali e a volute, presero la forma di cariatidi e di intrecci di animali fantastici.


© Sciarada Sciaranti











"Ora, certo è che il batacchio della porta, oltre ad essere massiccio, non aveva in sé niente di speciale. È anche certo che Scrooge, da che abitava lì, l'aveva visto mattina e sera;"

Canto di Natale 
Charles Dickens


10 commenti:

  1. Je n'ai ni battant, ni sonnette à ma porte.

    RispondiElimina
  2. che bello i picchiotti, lo sai che quando li vedo mi piace usarli indipendentemente dal fatto che io debba entrare o meno .AH!AH!AH!

    RispondiElimina
  3. Hanno un fascino d'antico, ma sono soprattutto delle opere d'arte.

    RispondiElimina
  4. Un oggetto interessante che non avevo notato prima. Grande lavoro.

    RispondiElimina
  5. sono bellissimi, affadcinanti, mi piace pensare a tutte le mani che li hanno battuti contro il legno della porta... senza dubbio molto piú affascinanti dei normali campanelli

    RispondiElimina
  6. hanno un fascino particolare,e sono divertenti da usare,ciao buon pomeriggio

    RispondiElimina
  7. Sono una meraviglia, convengo con te! Dalle mie parti ci sono ancora ai portoni dei palazzi "nobili", ma sinceramente non ho mai pensato a fotografarli...
    Buona serata!

    RispondiElimina
  8. I like door knockers much more than door bells. Great photos ;-)

    RispondiElimina
  9. Very interesting these sequences of photographs,..., the neccesary rite before someone open the door ..
    Felisa

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...