venerdì 1 luglio 2016

" Una notte di luglio "

" Spesso, durante le mie lunghe passeggiate estive, mi fermavo a riposare su un rialto dal quale si vedeva quasi tutta la pineta, fino al mare. In cima al rialto sorgeva una capanna di assi rinforzate e fermate da strisce di latta e da chiodi grossi come castagne: il tutto annerito come da un incendio. La capanna era sempre chiusa; anzi pareva non avesse neppure porta né finestra: e fu appunto per questo che attirò la mia attenzione. Le girai intorno infantilmente, sul breve ripiano erboso che la circondava, e riuscii a scoprire le connessure di due finestrini ai lati, e i cardini della porta quasi invisibile: tesi l’orecchio e mi sembrò di sentire nell’interno un lieve strido, o meglio come un vagito lamentoso di bambino appena nato.
Ma stringendo subito i freni alla fantasia guardai meglio intorno e mi accorsi che il gemito veniva dal ramo di un pino, stroncato dal vento, che lentamente finiva di staccarsi dalla pianta. E sedetti lì accanto, sull’orlo del ripiano erboso, pensando che del resto anche gli alberi hanno i loro drammi, e che quel ramo agonizzante, giovane ancora, ancora carico dei suoi frutti di rame cesellato, soffriva fino a trovare un suono quasi di voce umana per esalare il suo dolore ...


... Era una notte di luglio, con la luna grande, ma faceva tanto caldo che a star dentro la capanna si soffocava ...

... E nel religioso silenzio del tramonto, in mezzo ai pini che ardevano sul cielo rosso come grandi lorde festive, il gemito dell’albero stroncato pareva uscire dalla capanna; ed era forse davvero il lamento di uno spirito non ancora placato. "

 Lo spirito dentro la capanna 
Grazia Deledda

6 commenti:

  1. Cara Sciarada, che racconto interessante ci hai raccontato, qui si capisce che sei una sentimentale e che sogni tanto del passato... Ciao e buona domenica cara amica, con un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia!
    Per un attimo ho creduto l'avessi scritta tu...
    Buona estate cara Sciarada, abbraccio grande!

    RispondiElimina
  3. Ed era forse il lamento di uno spirito dentro la capanna?...
    Racconto che tocca il cuore!
    Un forte abbraccio e buona serata da Beatris

    RispondiElimina
  4. Dov'è sta capanna che la voglio vedè?

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...