martedì 10 luglio 2012

Ognuno, Qualcuno, Chiunque e Nessuno

Questa è la storia di quattro individui: Ognuno, Qualcuno, Chiunque e Nessuno. Bisognava fare un lavoro importante e si chiese a Ognuno di occuparsene. Ognuno si assicurò che Qualcuno lo facesse. Chiunque avrebbe potuto occuparsene, ma Nessuno non fece mai niente. Qualcuno s'arrabbiò perché considerava che per questo lavoro Ognuno fosse responsabile. Ognuno credeva che Chiunque potesse farlo, ma Nessuno mai si rese conto che Ognuno non avrebbe fatto niente. Alla fine Ognuno rimproverò Qualcuno per il fatto che Nessuno non fece mai quello che Chiunque avrebbe dovuto fare. 

Anonimo

Di seguito vi propongo due interessanti iniziative di sensibilizzazione: 
la prima riguarda il nostro paese 



La seconda l'umanità

Kalashnikov, zappe e scalpelli in mano agli uomini di Ansar Dine danneggiano al grido di “Allah akbar” (Dio è grande) i mausolei considerati l’eredità di un mondo idolatra. Islamisti integralisti che hanno ormai occupato tutto il nord del Mali, hanno infatti distrutto sette tombe antiche nel Paese e l’entrata della moschea Sidi Yeyia a Timbuktu. Una porta che secondo alcuni veniva mantenuta chiusa da lungo tempo perché la sua apertura avrebbe portato sfortuna. Ne volevano così sfatare il mito. Un destino simile a quello dei Buddah di Bamyan in Afghanistan, e delle tombe dei seguaci di Maometto in Arabia Saudita.
L’assalto da parte dei militanti armati del gruppo fondamentalista di Ansar Dine, che ha legami stretti con Al-Qaeda, è stato lanciato appena due giorni dopo che l’Unesco ha dichiarato la città come un luogo in via di estinzione a causa del persistere della violenza nel nord del Mali. Secondo l’Unesco Timbuktu oltre alle tre moschee possiede 16 cimiteri e mausolei, ed è sede di quasi 100.000 manoscritti antichi, alcuni risalenti al dodicesimo secolo, conservati nelle case delle famiglie e in biblioteche private sotto la cura di studiosi religiosi. Un tesoro ora a rischio.
Ludovica Amici 
Il Fatto Quotidiano

Tutti insieme per Timbuctu: Un post di massa per spargere la voce e sperare nella salvezza


"Jhon Ruskin, studioso del restauro e fondatore 
di quella che Camillo Boito definì "corrente ruinista"
era convinto che i monumenti e le opere d'arte fossero un patrimonio collettivo appartenente a tutta l'umanità, intesa come coloro che sono, coloro che furono e coloro che verranno e che quindi, come tali, andassero conservati e preservati nella loro interezza e mai, per nessuna ragione, distrutti"  

Dal blog Il tempo ritrovato

Chiunque reputi importante partecipare può cliccare sui link di questi due blog amici per un copia incolla

"C'è una grande differenza tra la ribellione e il fatto di rifiutare un qualcosa. Ribellarsi significa contrapporsi con dignità e identità verso ciò a cui ci si ribella; il rifiuto invece è solo una fuga senza responsabilità"

Carl William Brown

17 commenti:

  1. Il mio pensiero personale è che in alcune situazioni della vita siamo un po' tutti Qualcuno, Nessuno, Ognuno e Chiunque.
    A volte scontati come Chiunque, latitanti come Nessuno, sensibili come Qualcuno, egoisti come Ognuno.
    Poi sta a noi far prevalere il migliore.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ciao Keiko, condivido il tuo pensiero, l'importante è che quando, in circostanze diverse, scegliamo il modo in cui essere Ognuno, Qualcuno, Chiunque e Nessuno, che di per se non ha nessuna valenza negativa, lo facciamo avendo ben chiare le conseguenze.
    Ti abbraccio anch'io!

    RispondiElimina
  3. in linea con il mio pensiero. Lo metterò quanto prima. Una buona settimana, cara!

    RispondiElimina
  4. Ciao Sciarada !
    Si può solo essere atterrito da ciò che accade in Mali.
    E 'come le elezioni in paesi arabi che hanno fatto la rivoluzione. Ci si chiede perché.
    Non c'è nulla di cui preoccuparsi.

    RispondiElimina
  5. asi se mueve el mundo, siempre esperando todo del otro sin darse cuenta que la oportunidad no espera..
    saludos querida amiga

    RispondiElimina
  6. La questione di Timbuctu l'ho messa su FB, Ora riprendo il tuo testo e ne faccio un post.

    RispondiElimina
  7. Sei stata convincente e qualcuno si è mosso.

    RispondiElimina
  8. La storiella mi piace molto. Forse è strano ma mi ha fatto pensare alla nostra classe politica:-)
    Per Timbuctù ho aderito a modo mio.
    Ciao buona giornata e buone vacanze.
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  9. ciao,Sciarada :)sempre molto utili ed interessanti i tuoi post!a proposito del referendum,ho ricevuto anch'io una mail..firmero' sicuramente!!cari saluti e bacioni,cara ;0))

    RispondiElimina
  10. ognUNO, qualcUNO, chiUNque, nessUNO....dovremmo invece essere...EVERY MAN!!!...cioè OGNI UOMO!!! Come disse l'ammiraglio Horatio Nelson poco prima della battaglia di Trafalgar «England expects that every man will do his duty» («L'Inghilterra si aspetta che ogni uomo faccia il suo dovere»). E l'Italia si aspetta che OGNI UOMO faccia il suo dovere.....in tutti i campi!!
    Buona serata, Sciarada!

    RispondiElimina
  11. A ognuno la sorte qualcosa di positivo l'ha dato. Se poi chiunque è in grado di riconoscerlo e apprezzarlo, allora per ognuno è un vero piacere.

    RispondiElimina
  12. Bellissimi, cominciamo a fare qualcosa ognuno di noi ehhh

    Smettila di ripetere la medesima lezione:
    non è questo che ti farà apprendere qualcosa di nuovo
    L’ALEPH * PAULO COELHO – ISTANTI – Agenda 2012

    Spesso l’insoddisfazione invincibile è un dono che Dio ci fa per un unico motivo:
    spronarci a cambiare tutto per andare avanti
    L’ALEPH * PAULO COELHO – ISTANTI – Agenda 2012

    Buon fine settimana cara amica!

    RispondiElimina
  13. ¸❤✿•.¸
    ♥ Bom fim de semana!
    ♡ Beijinhos.
    Brasil

    RispondiElimina
  14. You are a fine thinking person and make lots of work finding connections. Well done :)

    RispondiElimina
  15. Ho deciso di limitare il numero di trasmissioni dedicate agli scandali politici...sinceramente dopo quasi un anno di polemiche che hanno portato a galla una gestione del Paese da condanna i nostri cari politici sono ancora a prendere tempo per decidere la legge eletterale che gli salvi la poltrona.Adesso fanno anche i pellegrinaggi per ritornare a fare il BENE PUBBLICO.Che Nazione di non smidollati permetterebbe loro di portarci al baratro (si,la crisi mondiale c'e' ma la gestione del Paese e' stata il peggior male) e poi fare pagare ai cittadini i loro crimini?E ancora li lasciamo li'?Non e' accettabile,altro che abbassargli lo stipendio.Diamogli un contratto da precari: niente risultati, niente stipendio.

    RispondiElimina
  16. ...sospettavo fosse questo il commento,quando mi infervoro posso diventare davvero infervorata!!!!Grazie della visita al mio blog!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...