venerdì 20 gennaio 2012

Il guscio infranto


Un colpo dopo l'altro e ruppe quel guscio
che senza lasciargli lo spazio di un respiro,
 seguiva aderente le curve modellate del suo corpo.
Un alito di vento lo sfiorò e un brivido lo percorse 
dissolvendo il gradevole tepore
 che lo aveva avvolto fino a quel momento,
avvertì un certo fastidio e sentì solo per un istante 
che quella gabbia che lo imprigionava, 
ritornava a essere la sua protezione,
 quel rifugio accogliente che non voleva abbandonare.
Guardò  fuori con un occhio e vide l'immensità,
immersa in una luce non filtrata, vivida e brillante,
ora sapeva cosa fosse il terrore,
 il cuore gli batteva così forte
 che sembrava volesse scoppiare 
e con un istinto irrefrenabile, incontrollabile,
 colpì di nuovo il guscio provocando una crepa
 che  allentò quell'irritante e insopportabile senso di costrizione 
che lo comprimeva ostinatamente, 
si caricò di nuovo vigore,
 continuò a colpire, colpire, colpire.
Frantumò il suo mondo, infranse la paura,
si liberò e capì...
   Era pronto per esplorare l'infinito.

© Sciarada Sciaranti

P.S.  Qualcuno di voi , nella foto, riesce a vedere l'uccellino con l'occhio  e  le piume nere che con il becco colpisce e genera una  crepa nel guscio che lo avvolge ancora quasi completamente?

Aggiornamento 23 gennaio 2012


Forse così, l'uccellino con l'occhio (freccia azzurra) e le piume nere (frecce gialle) che con il becco (freccia rossa) apre una crepa (freccia rosa) nel guscio (freccia celeste) che lo avvolge ancora quasi completamente, è più visibile

14 commenti:

  1. Hi Charade lovely image and a superb poem also.
    Have a lovely week.

    RispondiElimina
  2. l'oeil de l'éléphant...:)

    RispondiElimina
  3. Molto bello, Sciarada!
    L'uccellino guarda verso destra, il suo occhio è praticamente il centro del tronco.
    Complimenti, anche se...non era facile!

    RispondiElimina
  4. Poetessa Sciarada sono onorata di conoscerti!!!

    RispondiElimina
  5. Beautiful photo Sciarada and very nice poem!!!
    Tanti saluti
    Ciao

    RispondiElimina
  6. Ciao Sciarada stupenda foto che ancora sto osservando
    buona serata
    Tiziano.

    RispondiElimina
  7. bellissima foto,e belli i versi che la accompagnano notte serena Sciarada

    RispondiElimina
  8. Mi piacerebbe pubblicare questi bei versi, ma dovresti mandarmi l'immagine.

    Baci, Sciarada.

    RispondiElimina
  9. Ciao Sciarada, non riesco a vedere purtroppo. Ma ho letto con commozione le tue parole che riportano splendidamente il dolore della nascita per l'abbandono del buio mondo che ti protegge accompagnato dalla gioia di un nuovo mondo immenso e luminoso.

    RispondiElimina
  10. gran bella poesia no l'uccellino non l'ho visto ma grazie al tuo racconto ho avuto modo di immaginarlo molto bene

    RispondiElimina
  11. E' un piacere venire sul tuo blog, dopo tanta assenza, come sai, dovuta ad una visita alla mia famiglia. Il lavoro fatto dalla natura ha veramente creato l'immagine di un passero nel tronco. Brava tu a coglierne l'immagine. Passo sopra.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...