martedì 4 aprile 2017

Della natura del giallo

Effervescenti 
pulviscoli di giallo
il Sole stilla

© Sciarada Sciaranti

Il Sole dal magma incandescente delle sue viscere in effervescenti e diversificate tonalità di giallo dipinge un movimento ad arco che va da est a ovest e irraggia il mondo di energia.


P.S. Il testo sottostante risale al XV secolo ed è seguito da una trasposizione linguistica più attuale che nella traduzione automatica può facilitare la comprensione per chi non parla italiano.



Della natura di un giallo ch’è chiamato orpimento.

Giallo è un colore che si chiama orpimento. Questo tal colore è artificiato, e fatto d’archimia, ed è proprio tosco. Ed è di color più vago giallo; ed è simigliante all’oro, che color che sia. A lavorare in muro non è buono, né in fresco né con tempere, però che viene negro come vede l’aria. È buono molto a dipignere in palvesi* e in lancie. Di questo colore mescolando con indaco baccadeo*, fa color verde da erbe e da verdure. La sua tempera non vuol d’altro che di colla. Di questo colore si medicina gli sparvieri da certa malattia che vien loro. El detto colore è da prima il più rigido colore da triarlo*, che sia nell’arte nostra. E però quando il vuo’ triarlo, metti quella quantità che vuoi in su la tua prieta; e con quella che tieni in mano, va’ a poco a poco lusingandolo a stringerlo dall’una prieta all’altra, mescolandovi un po’ di vetro di migliuòlo*, perché la polvere del vetro va ritraendo l’orpimento al greggio della pietra. Quando l’hai spolverato, mettivi su dell’acqua chiara, e trialo quanto puoi; che se ’l triassi dieci anni, sempre è più perfetto. Guardati da imbrattartene la bocca, che non ne riceva danno alla persona.

palvesi* = Scudi rettangolari
indaco baccadeo* = Ottenuto per estrazione dell' indigotina dalla fermentazione delle foglie della Indigofera tinctoria, pianta di origine indiana appartenete alla famiglia Fabacee o Leguminoseuna 
triarlo* = Triturarlo
migliuòlo* = Bicchiere stretto


Giallo è un colore che si chiama orpimento. Questo tal colore è artificiale, e fatto d’alchimia, ed è proprio toscano. Ed è di color più vago giallo; ed è somigliante all’oro, che color che sia. A lavorare in muro non è buono, né in affresco né con tempere, però diviene nero quando vede l’aria. È buono molto a dipingere negli scudi rettangolari e nelle lance. Di questo colore mescolando con indaco baccadeo, fa color verde da erbe e da verdure. La sua tempera non vuol d’altro che la colla. Di questo colore si medicina gli sparvieri da certa malattia che vien loro. Questo colore è inizialmente il più rigido colore da triturare, nella nostra arte. E però quando si vuole triturarlo, metti quella quantità che vuoi sopra la tua pietra; e con quella che tieni in mano, vai a poco a poco delicatamente a stringerlo dall’una pietra all’altra, mescolandovi un po’ di vetro di bicchiere, perché la polvere del vetro va ritraendo l’orpimento al greggio della pietra. Quando l’hai spolverato, metti su dell’acqua chiara, e trituralo quanto puoi;  se lo triturassi per dieci anni, ( sarebbe )  sempre  più perfetto. Guardati da imbrattartene la bocca, ( affinché ) non ne riceva danno la persona.


Della natura d’un giallo ch’è chiamato risalgallo.

Giallo è un colore giallo che si chiama risalgallo. Questo colore è tossico proprio. Non si adopera per noi se none alcuna volta in tavola. Non è da tenere suo’ compagnia. Volendolo triarlo, tieni di quelli modi che detto ti ho degli altri colori. Vuole essere macinato assai con acqua chiara; e guardati la persona.


Giallo è un colore giallo che si chiama risalgallo. Questo colore è tossico proprio. Non si adopera per noi se non  qualche volta in tavola. Non è da tenere ( vicino ). Volendolo tritare, fallo nei modi che  ti ho detto per gli altri colori. Vuole essere macinato assai con acqua chiara; e guardati la persona.


Della natura di un giallo che si chiama zafferano.

Giallo è un colore che si fa di una spezia che ha nome zafferano. Convienti metterlo in su pezza lina, in su pria o ver mattone caldo; poi abbi mezzo miuolo, o ver bicchieri, di lisciva ben forte. Mettivi dentro questo zafferano; trialo in su la priea. Viene colore bello da tignere panno lino, o ver tela. È buono in carta. E guardi non vegga l’aria, chè subito perde suo colore. E se vuoi fare un colore il più perfetto che si truova in color d’erba, togli un poco di verderame e di zafferano; cioè, delle tre parti l’una zafferano; e viene il più perfetto verde in color d’erba che si trovi, temperato con un poco di colla, come innanzi ti mosterrò.


Giallo è un colore che si fa con una spezia che ha nome zafferano. Ti conviene metterlo sopra una pezza di lino, appoggiata su un mattone caldo; poi abbi mezzo miuolo, ovvero mezzo bicchiere, di lisciva ben forte. Metti dentro questo zafferano; trituralo sopra la pietra. Viene un colore bello per tingere un panno di lino, ovvero una tela. È buono in carta. E guarda che non veda l’aria, perché subito perde il suo colore. E se vuoi fare un colore il più perfetto che si possa trovare in color d’erba, togli un poco di verde rame e di zafferano; cioè, delle tre parti l’una zafferano; e viene il più perfetto verde in color d’erba che si trovi, temperato con un poco di colla, come innanzi ti mostrerò.


Della natura d’un giallo che si chiama árzica.

Giallo è un colore che s’chiama árzica; il qual colore è archimiato*, e poco si usa. Il più che si appartenga di lavorar di questo colore, si è a’ miniatori, e usasi più in verso Firenze che in altro luogo. Questo è color sottilissimo; perde all’aria; non è buono in muro; in tavola è buono. Mescolando un poco d’azzurro della Magna e giallorino*, fa bel verde. Vuolsi macinare, come gli altri colori gentili, con acqua chiara.

archimiato* = Ottenuto per procedimento alchemico
giallorino* = Giallo che contiene percentuali di piombo e stagno


Giallo è un colore che si chiama árzica; questo colore è alchemico, e poco si usa. Coloro che più usano lavorare con questo colore, sono i miniatori, e si usa più  verso Firenze che in altro luogo. Questo è color sottilissimo; perde all’aria; non è buono in muro; in tavola è buono. Mescolando un poco d’azzurro della Magna e giallorino, fa bel verde. Vuole essere macinato, come gli altri colori gentili, con acqua chiara.

Il libro dell'arte
Cennino Cennini

8 commenti:

  1. Cara Sciarada, sapevo che esistevano diversi fiori gialli, ma non immaginavo fossero così tanti, belle foto!!!
    Ciao e buona giornata cara amica con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Che bello conoscere queste cose...e poi belli i fiori gialli!

    RispondiElimina
  3. Stupende le immagini:-)
    Complimenti per il sito e tanta fortuna. Un caro saluto dalle Terme di Levico, Celeste

    RispondiElimina
  4. Mi è piaciuto molto il tuo post, e poi amo il giallo, mi dà allegria.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Sorrido in giallo.

    Patrizia

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...