domenica 20 dicembre 2015

Una sera di fine dicembre

" Una sera di fine dicembre. La nebbia sale dalla valle e si confonde col fumo lento delle case. E' una lentezza pacata che si distende sulle fatiche ultimate degli uomini; è una carezza, un premio.

Cominciano le veglie nelle case, che sono tutte una lunga veglia di Natale. La natura è spenta e la terra svapora in un elemento confuso e primitivo. I suoni sono spogliati e si perdono in un'aria vuota dove sembrano morire. 
S'odono voci di bimbi, versi di tacchini (i lieti animali del Ceppo), campane che si sciolgono una dopo l'altra, come lo snodarsi d'una catena sonora. 
Ma tutti i suoni sono esteriori: ché nulla viene dalla terra, ormai ridotta a un'ombra vagante. La crosta della terra è sterile, l'erba invetrita, l'acqua ghiacciata. E il cielo è lontano e distaccato. Nulla più geme, dubita, lotta, sospira. E' la stagione delle fredde certezze.



C'è una netta divisione: la casa e fuori. La casa è la vita; tutta la vita presente, tutti i germi della vita futura si sono raccolti in casa.

Le pigne e la legna nel caminetto prendono importanza, sembrano le uniche pigne e le uniche legna rimaste al mondo, e servono a mantenere nella casa la vita. 
Chi le avrebbe notate le pigne perdute tra i cespugli del bosco prima che le raccattassero i ragazzi e le mettessero in un corbello per portarle a casa col vischio e il pungitopo? E quegli enormi tronchi di legno dove il fuoco scava archi e volte e gallerie a spirale, non erano che ramoscelli secchi d'una pianta perduta fra molte altre. E quelle provviste di mele e di castagne, di conserve e di farine (considerate un giorno miseri raccolti) ora riempiono la casa d'opulenza e di conforto. 
Fuori, tutto è diventato a un tratto lontano, freddo. Da questo contrasto fra l'umana intimità della casa e la solenne purezza d'una notte in cui tutto ciò che è piccola e confusa voce terrestre è rimasto fulminato e ammutolito dall'ordine assoluto, è nata e venuta a noi la poesia del Presepio. Dentro, l'alito caldo d'un bue, fuori, freddezza di stelle e mistici canti celesti. "


Fabio Sanminiatelli,

in arte Bino Sanminiatelli 
Scrittore e produttore di vini




P.S. Per un impegno personale il 21 sera non potrò aggiornare i link del Calendario dell'Avvento quindi già da domani mattina troverete attivate le finestre del 21 e del 22 - Grazie a tutti

25 commenti:

  1. Veramente bello questo tuo post, cara Sciarada,
    Rinnovo ancora i miei auguri di un Santo Natale sereno e felice...
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Se il vino di Fabio Sanminiatelli ha la qualità del testo scritto, allora si tratta di un vino eccezionale.

    RispondiElimina
  3. Ottima scelta per ricreare l'atmosfera e la poesia dell'attesa,per la natura e per gli uomini.(Da la vita in campagna?)Atmosfere diverse,meno luci e lustrini,più calore e umanità intorno ad un fuoco,ad un Presepe,alle cose della quotidianità.Un abbraccio,Sciarada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sera di dicembre è un racconto breve di Bino Sanminiatelli pubblicato il 25 dicembre del 1955 sul giornale GIOVANI di Torino e come dici giustamente tu ricrea la giusta atmosfera per l'attesa.

      Grazie e un abbraccio a te !

      Elimina
  4. Quando ilfreddo d'inverno diviene fiaba. E poesia.

    RispondiElimina
  5. Amica mia... sarai uno dei miei pensieri più grandi in questo Natale speciAle!
    💜

    RispondiElimina
  6. Dicembre è un mese freddo fuori e caldo dentro, è l'atmosfera perfetta delle feste natalizie.
    Buon Natale Sciarada

    RispondiElimina
  7. Grazie Prof per questo racconto, è Natale!!!
    Auguriiiii!!!

    RispondiElimina
  8. je te souhaite de belles fêtes ..merci pour ces fenêtres du calendrier! bises

    RispondiElimina
  9. Che bell'aria natalizia che si respira ...

    Auguri, mia carissima Diletta !

    RispondiElimina
  10. Buon Natale Sciarada che sia un Natale sereno...
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  11. Un racconto che pare una bella fiaba e ha tutto il profumo del vero Natale!! Tanti cari Auguri, Sereno Natale Sciarada, un abbraccio Stefania

    RispondiElimina
  12. Vi abbraccio tutti, vi auguro un felice giorno e vi ringrazio per la vostra presenza !

    RispondiElimina
  13. Testo appropriato per l'attesa del Natale.
    Auguri di un felice Natale a te e ai tuoi cari
    Un abbraccio
    Enrico

    RispondiElimina
  14. Cara Sciarada ti auguro un felice e sereno Natale unitamente alla tua famiglia

    RispondiElimina
  15. Un felice Natale a te e alle persone a te care.

    RispondiElimina
  16. Ciao Sciarada, buon pomeriggio,
    vi auguro una bella Natale in compagnia della famiglia

    un bacio e un grande abbraccio
    benedizioni

    RispondiElimina
  17. Ciao Sciarada,
    I tuoi post sono sempre stupendi,
    un abbraccio ti lascio I MIEI AUGURI RACCHIUSI IN UN ... CLICK.'

    RispondiElimina
  18. Ciao Sciarda,
    scusa l'assenza e scusa se non sono stata presente durante questo calendario ma purtroppo ho perso mio nonno e non avevo e non ho la forza di stare al pc. Ho scritto il post per il piccolo Ale perchè ci tenevo e non volevo mancare, ma non è stato facile come è stato per me impossibile andare dagli altri. Spero che mi capiate e mi scusiate per questo.
    Ti auguro delle feste magnifiche e un Natale straordinario
    a presto un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Wat een schitterende Kerstblog heb je er van gemaakt, leuk hoor wat een fantasie heb jij. Ik wil je ook het aller beste wensen voor het nieuwe jaar, en hele fijne feestdagen. Groetjes, Joke

    RispondiElimina
  20. Splendido post, si respira aria natalizia, aria di pace, aria serena, un forte abbraccio e tanti auguri di serene festività!
    Beatris

    RispondiElimina
  21. Sensibilità, Solidarietà, Serenità..........Felici Festività!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  22. Merry Christmas.....
    Wishing you joy,peace and love always!

    Ruby

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...