lunedì 14 dicembre 2015

Buon Natale a quel bambino


Buon Natale buon Natale,
buon Natale a tutti quanti, 
a li preti senza santi
alle banche e a li banchieri
con i figli ai ministeri.

Alle zoccole de strada
 che so sante e benedette
con un Parlamento de mignotte.*
Buon Natale ai terroristi
con la faccia indifferente che massacrano la gente.

Buon Natale buon Natale...


Buon Natale  a quel bambino
che guardanno* questo monno* 
così piccolo e meschino
s' è chiamato un cherubino e... 
è tornato dar Divino

Golconda

mignotte* = non è riferito a una distinzione di genere
guardanno* = guardando
monno*  = mondo


Un ciao a te Alessandro da un uomo che avrebbe voluto che questo mondo offrisse di più a te, a Claudia e ai tuoi genitori


Passo il testimone ad Azzurro Cielo del blog  UnAzzurroCielo

23 commenti:

  1. "La bellezza salverà il mondo" diceva il principe Mishkin nell' Idiota di Dostoevskij, ma cosa succede quando in un mondo scombinato la vera bellezza va via con il sorriso di un bambino e ci lascia un vuoto incolmabile mentre la prostituzione cinica dell'anima sta su un piedistallo e da lezioni di vita?
    Succede che quelli come noi, senza urlare e con determinazione, raccontano della vera bellezza e la fanno continuare a volare attraverso le parole.

    RispondiElimina
  2. Ciao Piccolo Principe oggi vogli scrivere questo ricordo che ho di te. Eri piccolo e indifeso con degli occhioni grandi e un sorriso che illuminava tutti quanto di gioia , e Zia Laura con tanto amore ti stringeva a Se' mentre i cuginetto ti erano intorno e cercavano di farti giocare facendo dei versi....e tu eri li che con le tue manine gesticolavi e interagivi con i tuo amorevoli cuginetti. Ora posso solo dire Amore...Amore....Amore in ogni Dove...<3<3<3

    RispondiElimina
  3. Ale era spiritoso. Non di quello spirito comune. Era sottilmente ironico. Arricciava il labbro e sogghignava divertito quando si parlava di lui o delle marachelle di Mamma e Papo.
    Avrei voluto vederlo ridere.
    Avrei voluto vederti correre e ridere.
    Avrei voluto...

    RispondiElimina
  4. Cara Sciarada, un post che purtroppo documenta la realtà, ma nonostante tutto mi piace, io penso che dentro di noi abbiamo sempre la speranza che qualcosa deve cambiare, se questo non si fa cosa sarà del domani delle prossime generazioni!?!?
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Hai ragione Tommaso,anch'io la vedo come te e attraverso i nostri figli cerchiamo ogni giorno di rendere questo mondo migliore, insegnando l'attenzione verso gli altri,cosa e' giusto e cosa non lo e'...ti dirò di più Ale ci ha insegnato talmente tanto con la sua forza e il suo coraggio e con le sue piccole attenzioni verso gli altri, con tutto ciò che i suoi genitori bene erano riusciti a passargli che noi lo ricordiamo ogni giorno proprio per rendere in qualche modo migliore ciò che verrà...sei sempre con noi angelo bello!
    Nadia

    RispondiElimina
  6. Qualcuno sta traslocando.
    Si portano mobili, l'albero di Natale che già era in sala da tempo per dare un poco di atmosfera, alcuni giocattoli: quelli nuovi mai aperti e quelli che erano i suoi preferiti. Alcuni abiti, fra i quali una bellissima camiciola a quadri bianchi e blu.
    La tua stanza nuova è gialla. Mamma e Papo l'hanno voluta del tuo colore preferito. Dà su un giardino che presto fiorirà... ti sarebbe piaciuto vedere il colore dei fiori.
    Claudia avrebbe forse preferito restare li, a lei non piacciono tanto i cambiamenti, ma sono certa che troverà il suo spazio dove sentirsi accolta. Amata lo è sempre stata.
    La casa ha una grande finestra in sala. Di fronte, poco più avanti, ci sei tu. A mamma e Papo basta poco per andare a trovarti.
    Ma tu sei ovunque. Vero piccolo? Tu ancora sei li sul divano, nel letto, perfino nella cuccia di Milù che tanto amavi. Sei ovunque ti porti il pensiero. Ovunque... e li resterai per sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad Ale piaceva questa casa l'aveva scelta lui inaieme a Claudia abbiamo sperato di poterci entrare con lui per Natale ma il destino si è accanito con Ale anche in questo ... Maledetto!

      Elimina
  7. "Se mi ami non piangere! Se tu conoscessi il mistero del cielo dove ora vivo, se tu potessi vedere e sentire quello che io vedo e sento in questi orizzonti senza fine, in questa luce che tutto investe e penetra, tu non piangeresti se mi ami. Qui si è assorbiti dall incanto di Dio,dalle sue espressioni di infinita bontà e dai riflessi della sua sconfinata bellezza. Io vivo nella serena ed esaltante attesa del tuo arrivo fra noi..tu pensa mi così. ..non piangere più.." (Padre Perico - Sant' Agostino)
    Un saluto ad Ale
    Maria

    RispondiElimina
  8. Passano le ore, passano i giorni, ma tu resti qui con noi, con la tua camicia a quadri, la tua energia, il tuo sorriso!

    RispondiElimina
  9. Passano le ore, passano i giorni, ma tu resti qui con noi, con la tua camicia a quadri, la tua energia, il tuo sorriso!

    RispondiElimina
  10. C'è una rabbia che brucia in questa poesia e ci sarà una speranza fin quando daremo voce al dolore per un mondo malato e fin quando avremo il desiderio di far volare la bellezza del sorriso di un bambino, grazie Golconda e ciao Ale.

    RispondiElimina
  11. Questo è davvero un Buon Natale per tutti, anzi per gli autori del peggio che si possa fare, ma si apre una luce poi sul bimbo cherubino tornato al "Divino". La bellezza, l'amore finiscono sempre per riscattare la malvagità.

    RispondiElimina
  12. Grazie a Golconda e grazie a te, a chi crede che il vero amore non muoia mai, a chi crede nei gesti, nella semplicità delle piccole cose. Fin quando si riuscirà a dar voce al cuore...ci sarà speranza per questo mondo malato, anche Alessandro continuerà a vivere nel pensiero di tutti noi con il sorriso e l'innocenza del bambino che è stato. Buona settimana Sciarada, Stefania

    RispondiElimina
  13. Ciao caro Angioletto, vedi che brutture su questa Terra ?

    Tu sorridi, sempre !

    Grazie Golconda

    RispondiElimina
  14. Avverto nell’aria un forte odore di pop corn…. Quelli che tanto ti piacevano amore mio.
    Quel bellissimo pomeriggio di Dicembre, mi chiedesti di prepararteli e ci mettemmo subito all’opera….
    Tanti, tantissimi pop corn da riempirne una enorme coppa…. Tutti per te Ale… e tu, soddisfatto, stringevi a te quella enorme coppa gialla. Eravamo troppo felici e decidemmo di immortalare quel momento con una bellissima foto che custodirò in eterno del mio album dei ricordi…..
    Avverto nell’aria un forte odore di pop corn…,.avverto al mio fianco l’odore di te…..
    Ti amo da morire tesoro mio!!!! Zia Laura.

    RispondiElimina
  15. il tuo sguardo aveva già un'aria da eroe
    Tuo Cugino Andrea

    RispondiElimina
  16. Un mondo scombinato con infiniti perché senza risposta.
    Vola Ale che noi siamo vicini a te

    RispondiElimina
  17. La bellezza e la ricchezza dei ricordi di quanti hanno diviso con te un tratto di strada,di quanti ti sono stati vicini e ti hanno amato,fanno capire a tutti noi quanto eri speciale,Alessandro.
    Sorridi ancora,c'è bisogno dei tuoi sorrisi,della tua serenità,in un mondo che pare abbia perso la strada della saggezza.

    RispondiElimina
  18. Notte Ale sei sempre nei miei pensieri e nelle mie preghiere ti voglio un mondo di bene

    RispondiElimina
  19. Me sarei tenuta tanto volentieri quel bambino per sorridere insieme a lui e per guardare in faccia le porcherie di questo mondo ma non se po'.
    Ciao Sciarà

    Patrizia

    RispondiElimina
  20. La bellezza dell'amore salverà il mondo!!!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
  21. Amarezza per una realtà che ci prende l'amore e lascia il ciarpame intorno a noi

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...