lunedì 21 luglio 2014

L'addormentato della valle

Questo è quello che rimane


" È una gola di verzura dove un fiume canta
impigliando follemente alle erbe stracci
d'argento: dove il sole, dalla fiera montagna
risplende: è una piccola valle che spumeggia di raggi.

Un giovane soldato, bocca aperta, testa nuda,
e la nuca bagnata nel fresco crescione azzurro,
dorme; è disteso nell'erba, sotto la nuvola,
pallido nel suo verde letto dove piove la luce.

I piedi tra i gladioli, dorme. Sorridente come
sorriderebbe un bimbo malato, fa un sonno.
O Natura, cullalo tiepidamente: ha freddo.

I profumi non fanno più fremere la sua narice;
dorme nel sole, la mano sul suo petto
tranquillo. Ha due rosse ferite sul fianco destro. "

Arthur Rimbaud

La risoluzione di un conflitto non passa mai attraverso la morte; cessate il fuoco, scegliete la vita. 

13 commenti:

  1. Condivido pienamente, la guerra serve ai potenti ed uccide la gente comune.

    RispondiElimina
  2. Fino a quando l'uomo non avrà memoria, e non userà il cervello, il cammino verso l'autodistruzione non potrà essere interrotto.
    Speriamo in un miracolo
    Un caro sorriso

    RispondiElimina
  3. Cara Sciarada, purtroppo coloro che leggono tutto questo, sono di due parti noi che ci commuoviamo, e piangiamo i nostri morti, i secondi coloro che cercano solo una gloria
    di una stupidità infinita che tutti dobbiamo pagare.
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. gli uomini sono sordi alle urla dei bambini
    piango con te
    joh

    RispondiElimina
  5. L'essere umano esiste da millenni, continua a scatenare conflitti e non ha ancora imparato nulla. Si fanno sempre gli stessi errori si compiono le stesse atrocità. Prima si uccide e si distrugge, poi ci si siede ad un tavolo per negoziare. Purtroppo però i morti, che spesso sono persone inermi, non potranno far sentire la loro voce.
    Buona giornata Sciarada un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  6. Angoscianti le parole di Rimbaud! Ma rispecchiano poeticamente una realtà invece piatta e crudele. Non c'è nulla, purtroppo, che faccia presagire un cambiamento dell'essere umano che, una volta raggiunto il potere, usa gli altri uomini per raggiungere i suoi fini, non importa quali sono, non importa quante lacrime possano costare alle sue vittime. Non c'è pietà per nessuno, persone inermi, persino bambini indifesi rientrano nel massacro.

    RispondiElimina
  7. Purtroppo, ci saranno sempre guerre, conflitti sempre. I cimiteri sono pieni i loro morti.

    RispondiElimina
  8. Peace and love is the hope.., but there is to much hate in this world.'
    Hope you have a happy Summer.. hugs from Tania:-)

    RispondiElimina
  9. Bisognerebbe che la pace in noi fosse così intensamente desiderata, da riuscire a superare ogni rancore od interesse.
    Un miracolo direi!
    Un abbraccio immenso.

    RispondiElimina
  10. Potere, potere, stramaledetto potere e...poveri innocenti !!!

    Ti abbraccio forte mia carissima Diletta !

    RispondiElimina
  11. Ciao, mia cara purtroppo l'uomo non può far a meno della guerra, i troppi interessi avranno sempre il sopravvento sulla pace, non c'è spazio per la pietà e la buona volontà. Anch'io credo ci vorrebbe un vero miracolo!
    Grazie per la tua assidua presenza sul mio blog, un abbraccio Stefania

    RispondiElimina
  12. º°。❤❤° ·..
    Escolhe-se a vida... por que é tão difícil para os seres humanos???

    Bom fim de semana!
    Tudo de bom!
    Beijinhos.
    Brasil.
    ❤° ·..

    RispondiElimina
  13. Promuovono le guerre,creano deserti di morte e macerie,poi forse si siederanno per accordarsi,e chiamano tutto questo "Pace".Ma i morti non lo sapranno mai,i vivi che hanno perso dignità affetti speranze,non li crederanno..

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...