martedì 14 gennaio 2014

Le nubi


"Vagavano in lenta processione,
bianche come spuma lattea,
gonfie, bislunghe, ricciute,
ondulate e dalle forme più strane.
Alcune, più basse,
annaspavano i loro fiocchi
 attorno alle guglie rocciose;
alte, superbe, bianche come la neve;
navigavano sull'azzurro
 inseguite da un corteo di nembi e di cirri;
altre ancora, più sottili e trasparenti,
 parevano lembi di garza leggera
 o fiocchi di bambagia cardata dal vento".

Grazia Deledda

19 commenti:

  1. Le nuvole mi fanno venire in mente un racconto di Richard Bach (Illusioni)... indimenticabile proprio su questo tema.
    In ogni ammasso bianco, si nasconde una storia meravilgliosa.. basta aprire bene gli occhi ed il cuore!
    Joh

    RispondiElimina
  2. j'aime les nuages qui ne cachent pas le soleil! biz

    RispondiElimina
  3. oltre le nubi c'è sempre il sole !!!!!
    Un saluto da piabrl

    RispondiElimina
  4. Ciao Sciarada !
    Ralph Waldo Emmer Rha detto.
    " Il cielo è il pane quotidiano degli occhi "

    RispondiElimina
  5. Cara Sciarada, eccomi di nuovo a farvi visita, passato quel triste momento, ora la vita continua.
    Molto belli questi versi di Grazia Deledda, una bella poesia significativa.
    Ciao e buona serata.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Osservare le nubi in cielo è un po' come sognare...mentre si muovono, s'allungano, disegnano figure sempre diverse e la nostra fantasia vola....
    Bella la poesia di Grazia Deledda, non la conoscevo....
    Passa una buona serata, un abbraccio Stefania

    RispondiElimina
  7. Tutto bene, mia Diletta?

    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Affannata per il tempo che sempre fugge Mio Dolce Sorriso, ma sto bene!
      Ti abbraccio, ti mando un bacio e grazie!

      Elimina
  8. Splendida poesia. Pennellate leggere, trasparenti per rendere la levità delle nubi, quando navigano nel cielo azzurro senza preannunciare tempeste, né essere foriere di pioggia.

    RispondiElimina
  9. guardare le nuvole che cambiano forma è un gioco che ho fatto da bambina e da grande insieme ai miei figlioletti,ora con i nipoti e non mi sono ancora stancata,è un modo carino di stimolare la fantasia
    mi piace la poesia di Deledda
    un saluto affettuoso

    RispondiElimina
  10. Belli i versi del nostro Nobel. Ricordo ancora quando stesi su un prato si giocava a scoprire immagini nuove guardando le nubi. Buona giornata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  11. ciao Sciarada molto belli i versi di questa poesia di Grazia Deledda, una descrizione molto suggestiva e reale, complimenti per l'immagine altrettanto suggestiva, ciao grazie buona giornata rosa.)

    RispondiElimina
  12. Un immagine particolarmente suggestiva e una poesia estremamente dolce....
    Cara Sciarada,gli scritti di Grazia Deledda,mi colorano l'anima, ogni volta che leggo un suo racconto ho l'impulso di tenerlo segreto nel mio cuore.
    Ciao e un bacio:)
    Luci@

    RispondiElimina
  13. Guardarle nel loro ammasso informe spesso mi soffermo a pensare a cosa potrebbero somigliare questa piuttosto che quella. Un gioco discreto che è piacevole e spesso bambinesco, sapientemente espresso da Grazia Maria Cosima Damiana Deledda e anche dalla tua foto.
    Felice settimana Sciarada
    Un abbraccio *:)

    RispondiElimina
  14. Merci aussi de ton passage c'est très gentil
    et merci pour ton ciel et tes nuages
    ils avancent je trouve et chez nous le ciel est très gris en ce moment
    Il me faudrait peut être souffler dessus!!!!!!!!!!!
    Bonne journée

    RispondiElimina
  15. Un bacio ad ognuno di voi e grazie per avermi donato le vostre emozioni di vita!

    RispondiElimina
  16. Bellissima foto.. poi con le parole della Deledda ancora meglio.
    Buon fine settimana
    Maurizio

    RispondiElimina
  17. ...cara signora Sciarada, mirando la suggestiva foto, che per sempre perpetua ai posteri un istante della vostra vita rivolta con lo sguardo al cielo, non è per lusinga che con licenza poetica, mi permetto di affermare che il vostro nick non poteva trovare posto più soave e celeste, lassù, oltre le nubi, dove con melodiosa grazia risuonano i lirici versi della sensibile Deledda...sincero abbraccio...

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...