venerdì 20 dicembre 2013

La tombola

La tombola alter ego del lotto, il cui nome indica l'atto del tombolare, l'atto del roteare dei tomboli di legno, entro un tumulo, un paniere, un' urna girante che in un connubio simbolico attiva con un'estrazione la correlazione inscindibile tra numero e immagine, è il gioco da tavolo che meglio dipinge spiritualmente l'armonia dell' atmosfera che avvolge gli animi durante le festività natalizie.


"Rosina, co' Pippetto eco' Sabbella
mettemeli vicino a la commare.
Ufemia e Nino accosto a tu' sorella,
de faccia a le crature der compare...
Semo tutti? - Che tutti 'na saetta!
E tu' cognata? e Giggi Scarnicchietta?

Rifamo er conto: dua du' quattro, sei,
sette, nove, quattordici er sor Pietro,
quinnici er sor Andrea, sedici lei...
Hai ragione, hai ragione, un passo addietro;
me sbajo, sì: j'ammanca la posata
a Giggi Scarnicchietta e a mi' cognata.

Mette le sedie, ognuno ar posto suo
e appiccia er foco ar ciocco... Bono, Nino,
bono, demonio, bono, corpo tuo!
Lassa fà quer callaro sur cammin :
pijete el libbro e impara la lezione,
fa' l'ubbidìenza, brutto somarone!

Che crilla ciànno in corpo 'sti demoni,
io proprio nu' lo so, sora Cammilla.
Ciànno l'acido drent'a li carzoni.
Questo sguizzola  peggio d'un'anguilla,
fatelo un po' stà fermo! E te, Pippetto,
nun piagne , che sinnò te metto a letto.

Vedi un po' si la tommola c'è tutta,
ché jeri nun trovavo er cartellone;
tutto a 'sta casa mia, tutto se butta,
ha' voja a rintanalle  ner cassone:
le cartelle va bene, ma le palle?..
annamo, va', bisogna aricontalle !...

Me fate grazia voij sora Gioconna ,
me li levate intorno da la tavola?
Crature, annate, annate assieme a nonna
che ve vò riccontà 'na bella favola;
bravi, bravi, pijate er sedioncino
e annatev'a scallà 'ntorno ar cammino."

"Rosina con Pippetto e con Sabella
mettimeli vicino alla comare.
Ufemia e Nino accanto a tua sorella,
di fronte alle bambine del compare ...
Siamo tutti? - E tutti belli svelti!
E tua cognata? E Giggi Scarnicchietta?

Rifacciamo il conto. due du' quattro, sei,
sette, nove, quattordici il signor Pietro,
quindici il signor Andrea, sedici lei ...
Hai ragione, hai ragione, un passo indietro;
mi sbaglio, si: manca la posata
a Giggi Scarnicchietta e a mia cognata.

Metti le sedie, ognuna al posto suo
e accendi il fuoco al ceppo ... Buono Nino
buono, sembra che hai il diavolo in corpo !
Lascia stare quel pentolone sul camino:
pigliati il libro e impara la lezione,
obbedisci, brutto somarone (somaro)!

Che crilla hanno in corpo questi demoni,
io proprio non lo so, signora Camilla.
Hanno l'acido dentro i pantaloni.
Questo sguizza peggio di un anguilla,
fatelo stere un po' fermo! E tu, Pippetto
non piangere, se no ti metto a letto.

Vedi un po' se la tombola c'è tutta,
che ieri non trovavo il cartellone;
tutto nella mia casa, tutto si butta,
hai voglia a rintanarle nella spazzatura:
va bene le cartelle ma i numeri?..
Andiamo, dai, che bisogna ricontarle!...

Mi fate la grazia voi signora Gioconda,
me li togliete  intorno alla tavola?
Bambini, andate, andate insieme a nonna
che vi vuole raccontare una bella favola;
bravi, bravi, prendete la sediolina (sedia)
e andate a scaldarvi intorno al camino."

Er Natale A Roma
Giggi Zanazzo


In lei confluisce la storia di un passato ancestrale di osservazione e interpretazione tramandato nel corso del tempo attraverso la fusione delle attitudini umane:


Nel X secolo a. C.  re Salomone si affidava spesso all' arte interpretativa dei sogni allo scopo di trarre predizioni e responsi per il futuro.

Tra l'VIII secolo e il VI secolo a.C. durante i Saturnali legati al solstizio d'inverno nell'antica Roma si praticava il Gioco di Saturno attraverso il quale si esprimeva tutta la sacralità legata ad un rituale oracolare che profetizzava e propiziava il futuro attraverso i numeri. 

Nel VI secolo a.C. Pitagora di Samo riteneva che i numeri rappresentassero la vera essenza delle cose

"Ogni cosa si adatta al numero"

Pitagora di Samo

ed osservando le similitudini tra le peculiarità dei numeri e i fenomeni della realtà si poteva comprendere il loro simbolismo comune :

L'1 o Monade è un numero  parimpari né pari né dispari che rappresenta l'Uno ovvero il principio primo,il numero della ragione, geometricamente è il punto.
Il 2 o Diade è un numero pari che rappresenta il femminile indefinito e illimitato, è l'opinione che deve essere sempre duplice, geometricamente è la linea.
Il 3 o Triade è un numero dispari che rappresenta il maschile definito e limitato, il numero dell'armonia composto dall'unità dell'uno e dalla diversità del due, geometricamente è il piano.
Il 4 o Tetrade è un numero pari che rappresenta la giustizia e il castigo in quanto divisibile equamente da entrambe le parti,il numero dell'esattezza del conteggio, della quadratura dei conti, geometricamente è una figura solida.
Il 5 o Pentade è un numero dispari che rappresenta la vita e  il potere, è l'unione del 2 e del 3, l'unione del femminile con il maschile, indica la stella contenuta nel pentagono simbolo dei pitagorici.
Il 6 o Esade è un numero pari che rappresenta la creazione e la fecondità del matrimonio, è il prodotto del due e del tre.
Il 7 o Eptade è un numero dispari che rappresenta la saggezza, insieme al tre è un numero filosofico legato al cosmo.
L' 8 è un numero pari che rappresenta il segreto del vero amore.
Il 10 o Decade è un numero pari che rappresenta il  numero perfetto che realizza ogni cosa, è raffigurato con il tetraktys un triangolo equilatero di lato 4 sul quale veniva fatto il giuramento di adesione alla scuola pitagorica. formato dalla somma dei primi quattro numeri o dai due filosofici tre e sette.

Nel II secolo d.C. Artemidoro di Daldi scrive il primo trattato scientifico in cinque libri sull'interpretazioni dei sogni  Ὀνειροκριτικά - Onirocritica, li divide in maniera metodica seguendo il susseguirsi di episodi storici facendo una distinzione tra quelli legati al passato, al presente  e alla lettura profetica e simbolica del futuro.

Nel XIII secolo circa la Qabbaláh - in ebraico קבלה - Cabala - l'atto di ricevere la tradizione,  attraverso la dottrina interpretativa della Ghimatriah in ebraico גימטריה - Geometria che si fonda sull' isopsefia pitagorica (studio numerologico delle parole scritte in greco) ed associa un numero ad ogni lettera dell'alfabeto ebraico, svela i significati nascosti che si celano in uno scritto.

E nel XVIII secolo esattamente nel 1734 la tombola acquista la sua dimensione familiare poiché Carlo III di Borbone re di Napoli per dare un congruo aiuto alle casse del Regno voleva ufficializzare il gioco del lotto ma era osteggiato dal frate domenicano Gregorio Maria Rocco che riteneva sbagliato legittimare tra i cattolici un

"così ingannevole ed amorale diletto"

Carlo fece presente al frate che giocare in clandestinità sarebbe stato ben più dannoso per le anime dei cittadini e Gregorio Maria Rocco di fronte a questa affermazione cedette le armi facendosi promettere però che il gioco sarebbe stato sospeso durante il periodo natalizio per dedicarsi completamente alle preghiere.
Il risultato di tutto ciò fu che il popolo in una sorta di crisi di astinenza costruì in casa la variante privata del Lotto pubblico, fu disegnato un grande cartellone con 90 numeri associati a dei simboli, dentro  un contenitore  furono inseriti 90 cilindri numerati che sarebbero stati estratti uno alla volta e posizionati sul cartellone ed infine vennero ritagliate 24 cartelle con 27 caselle che contenevano una combinazione diversa di numeri che permetteva ad ogni estrazione di comporre l'ambo, il terno, la quaterna e la cinquina.


La tombola romana

1 Roma
2 Romolo e Remo
3 La Fortuna
4 La Zecchinetta (gioco)
5 La Mano
6 La Befana
7 Il Padre
8 La Madonna
9 Le Commari
10 La Ruzzica (gioco)
11 Li Fratelli della Morte
12 Er Cavaliere (Il Cavaliere) 
13 Er Focolare
14 Lo Scrivano
15 Er Ragazzino
16 Er Culo
17 La Disgrazia
18 Er Bue ar Macello
19  La Sacra Famija
20 La Festa
21 Venere
22 l'Acquavitaro (Venditore di Acquavite)
23 Er Gioco delle Bocce
24 Li Gendarmi
25 Er Natale
26 La Ninna Nanna
27 Le Lavannare (Le Lavandare)
28 Li Pifferari (i Pifferai)
29 Er Petto
30 Sbiro de Campagna (Sbirro di Campagna)
31 Er Padrone di Casa
32 La Pescivennola (La Pescivendola)
33 L'Anni de Cristo
34 La Capoccia
35 Le Ceste
36 Er Sartarello (ballo)
37 Er Frate
38 L'Omo de Bastoni (L'Uomo di Bastoni)
39 La Corda
40 Lo Scoparo (Il Venditore di Scope)
41 Er Pianto
42 Er Callararo ( Il Calderaio)
43 Donna alla Fenestra (Donna alla Finestra) 
44 Li Condannati
45 L'Osteria
46 La Borza de Denari (la Borsa dei Soldi)
47 Er Morto
48 Er Morto che Parla
49 Er Tripparo (Venditore di Trippa)
50 Er Cocomera (Il Venditore di cocomeri)
51 La Fontanella
52 La Mamma
53 Er Vecchio 
54 Er Cappello
55 La Musica
56 La Caduta
57 Er Porta Fortuna
58 Er Gioncataro (Il Canestraro)
59 Li Capelli
60 La Lite
61 Li Cacciatori
62 L'Ammazzato
63 La Sposa
64 L'Omo Elegante (L'Uomo Elegante)
65 Li Sculaccioni
66 La Zitella
67 La Chitara ( La Chitarra)
68 Er Carnaciaro (Il Venditore di Carne)
69 Er Sottosopra
70 Le Case
71 I Sacconi (Gli Abiti dei Condannati)
72 La Morra (gioco) 
73 La Malattia
74 La Grotta
75 Pulcinella
76 L'Acqua
77 Le Gambe
78 L'Amore
79 Li Banditi
80 La Voce
81 Li Fiori
82 Er Pranzo
83 Er Martempo ( il maltempo)
84 La Chiesa
85 I Penitenti 
86 La Bottega der Pittore
87 Li Pidocchi
88 Er Capraro (Il Pastore di Capre)
89 La Vecchia  
90 La Paura


"Io mi affiso* in voi, o numeri,
e voi mi apparite vestiti di belve, nelle loro pellicce,
con la mano appoggiati a querce divelte.
Voi donate l’unione tra il moto serpentiforme
della spina dorsale del cosmo ed il ballo del bilico,
voi permettete di intendere i secoli, come i denti d’un rapido scroscio di risa.
Le mie pupille si sono ora sgranate in maniera fatidica.
Apprendere che cosa sarà l’Io, se è l’unità il suo dividendo."

I numeri
Velimir Chlebnikov

Affiso* = fissare


P. S. Questo è un post programmato come quelli che seguiranno a causa di alcuni problemi tecnici che spero si risolvano presto. Per lo stesso motivo porgo gli auguri di Natale a tutti voi da parte di Elettra. 

25 commenti:

  1. I simboli e di conseguenza i numeri sono stati spesso affidati, come "veicoli subliminali", ai giochi popolari: le carte (i tarocchi), la tombola ecc.
    Come dire: "lasciamo i misteri disegnati sulla carta e rendiamolo popolare".
    Gli addetti ai lavori sapranno leggerli e riconoscerli, il volgare popolo lo tramanderà senza accorgersene...
    Eh si, il gioco almeno a qualcosa è servito!
    ;o)

    Buone feste amica cara!
    Joh

    RispondiElimina
  2. Hi Sciarada! Happy to enjoy again your world of beauty, wit and freedom! Hugs and have a wondeful and happy holidays!

    RispondiElimina
  3. Cara Sciarada, hai veramente spiegando un gioco vecchissimo e che faceva passare le ore di Natale sempre in allegria.
    Purtroppo oggi tante cose sono cambiate e quel clima Natalizio è rimasto solo un ricordo di altri tempi!!!
    Ciao e buona giornata cara amica, e naturalmente ancora Buon Natale.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Merry Christmas! I hope your holiday is a special one!

    RispondiElimina
  5. a me la tombola ricorda molto il Natale di molti anni fa, amica mia, quando avevo molti anni di meno e molte speranza in più!!!
    Ti giunga il mio più sentito augurio di buon Natale
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Anche questo e un post di un tempo lontano, come erano belle quelle serate invernali giocando a tombola al calduccio vicino al camino
    grazie Sciarada per aver risvegliato in me questi bei ricordi.
    ciao buon fine settimana

    Tiziano.

    RispondiElimina
  7. Che bello il tuo post, Sciarada! La tombola di cui hai parlato, le immagini, i numeri, le citazioni, tutto ha un sapore pieno di fascino che ricorda le misteriose tradizioni che legano gli uomini del passato a quelli di oggi e di domani.
    Tanti, tantissimi auguri a te e ad Elettra di Buon Natale e Buon Anno e a ritrovarci dopo le feste. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Oh mia Diletta...il gioco della tombola mi ricorda il mio papà che l'amava molto.

    Grazie e baci a te e ad Elettra.

    RispondiElimina
  9. en suisse aussi il y a la fièvre du lotto.. j'aime la main et le vendeur de balai :))) bisou

    RispondiElimina
  10. Belo post!

    ¸.•°♡♡⊱彡

    Muito amor,
    saúde,
    paz,
    e muita luz!...

    ⋱ ⋮ ⋰
    ⋯ ✰ ⋯
    ⋰ ⋮ ⋱


    ░M░E░R░R░Ƴ░

    C░H░R░I░S░T░M░A░S░ !!!

    ¸.•°♡♡⊱彡

    RispondiElimina
  11. Ciao Sciarada,
    buon pomeriggio,
    Mi è piaciuto molto il tuo post,
    io adoro la lotteria =)


    Vi auguro un bellissimo Natale e un fantastico fine dell'anno
    un bacio grande
    benedizioni

    RispondiElimina
  12. ...carissima Sciarada, non trovo encomiabili parole per l'ammirevole lavoro svolto fin qui dal primo giorno dell'avvento, così mi prendo la licenza di lasciarle un'ottava suggerita dalla sua tombola:

    vorrei giocare con tutti voi
    voi che giocate con la vita
    e a te settantotto d’Amore
    vorrei cantarti la mia Lira
    ai limiti azzurri della notte
    allorché principessa Aurora
    non desta gli occhi al sogno
    e nuova cabala torna al giorno

    ...auguro di cuore a te e alla tua famiglia, di trascorrere queste feste, nell'armonia del tre e del settantotto...:-) con affetto...

    RispondiElimina
  13. Beleza de post.Agradeço muito tua visitinha e também desejo para ti um Feliz Natal e grande felicidade para 2014. Meu maior abraço.SU

    RispondiElimina
  14. Mi unisco anch'io all'encomio per questo post. Non ho mai passato un Natale a Roma, ma mi è sembrato ,leggendo la poesia, di essere lì, insieme ai personaggi della poesia, a trascorrere un caotico ma felice Natale.
    Con il divertimento della tombola e lamagia dei numeri.
    Buon Natale, Costantino.

    RispondiElimina
  15. A me piace tenere il banco e estrarre i numeri. Sarà per vedere la reazione degli altri all'uscita di ogni numero , comunque è bello giocare perchè si è in compagnia.Quest'anno una giocatina è d'obbligo!!!!! ciao e buone feste

    RispondiElimina
  16. GRAZIE !!! BUON NATALE !!! CRACIUN FERICIT !!!

    RispondiElimina
  17. Ciao Sciarada, un super ed enorme post ben gradito. Inoltre la prima parte in romanesco l'ho capita senza bisogno della traduzione perché sono vissuto un anno e mezzo a Roma. Pensa che, io veneziano, sono stato scelto per recitare in dialetto romano la poesia "San Giuseppe fritellaro" davanti al preside. Per i numeri della tombola (immancabile a casa mia quando ero ragazzino), noi del Veneto abbiamo altri significati anche se su una buona parte ci si raggiunge. Buon Natale e felice Anno Nuovo.

    RispondiElimina
  18. Una ricerca alquanto interessante. Sempre bravissima Sciarada.
    Ti auguro uno splendido Natale colmo di pace e serenità. Carla

    RispondiElimina
  19. ¡¡¡ FELIZ NAVIDAD QUERIDA AMIGA MIA, A TI Y FAMILIA ¡¡¡

    LES DEJO MI ABRAZO Y SALUDO FRATERNO....

    RispondiElimina
  20. Auguri,Sciarada,passerò a leggere tutto il post,intrigante e pieno di curiosità.Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Cari Auguri di Buon Natale, mia cara, un abbraccio forte, Stefania

    RispondiElimina
  22. Oh, quante tombole.... Quanti anni sono passati dall'ultima volta....non lo,so più.....ma, cerchiamo di guardare avanti e a te e famiglia auguro tanto bene, buon Natale cara sciarada e buon 2014. Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  23. Lascio i miei auguri più sinceri di serene festività!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
  24. Wishing you a very Merry Christmas and fabulous new year ahead!

    Ruby

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...