lunedì 2 settembre 2013

Canto della spiga di grano



A un angolo
del mio campo di grano
c'è una spiga che canta,
scossa dal vento del mattino.
Le sue radici affondate nella terra,
il suo stelo,
i suoi chicchi ancora teneri,
le foglie,
tutto in lei canta.
Si uniscono al suo canto
la Dea della Rugiada,
la Bellezza,
e la Felicità

Canto Navajo

26 commenti:

  1. Lovely Song of corn.
    Greetings, RW & SK

    RispondiElimina
  2. Si sente il calore della terra e la pienezza dei chicchi.
    Il grano, la pianta della vita.

    Ben tornata amica cara
    Joh

    RispondiElimina
  3. Bel post bucolico. Buon inizio settimana, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  4. Che bello questo canto!!!
    Buona giornata cara amica Sciarada.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Hai creato un post che è un capolavoro di gusto:tutto vi si si trova espresso....
    Io ho raccolto tanta armonia!
    Grazie carissima amica.
    Ti mando un bacione grande, grande, ed un sorriso:)
    Con affetto, Luci@

    RispondiElimina
  6. belle foto,degna cornice di questo bel canto,ciao Sciarada,un saluto affettuoso

    RispondiElimina
  7. dans l'impossibilité de voir tes photos.. mon wifi n'est pas performant.. je me rattrape en rentrant... bises !

    RispondiElimina
  8. Ciao Sciarada rime e foto stupende
    ciao buona serata
    Tiziano.

    RispondiElimina
  9. Versi e foto che esprimo con intensità la bellezza della natura...
    Ciao, un abbraccio Stefania

    RispondiElimina
  10. Canzone e immagini trasmettono un calore intenso all'anima, fatto del senso delle nostre origini e della nostra intima appartenenza alla natura più amica.
    Ben tornata Sciarada.

    RispondiElimina
  11. Ho tralasciato di dire quanto anche il canto Navajo sia splendidamente integrato in questo quadro completo che hai dipinto.

    RispondiElimina
  12. Ciao bella! le tue parole insieme con le vostre immagini accuratamente scelti sono ispiratrice, e portare tali emozioni con tanta bellezza. Grazie, amica. Buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  13. Ciao Shiarada

    Bellissimi versi , così anche le tue foto dai riflessi dorati.

    RispondiElimina
  14. Il grano rappresenta l'abbondanza e la fecondità ; bei versi dal significato augurale. Ciao a presto

    RispondiElimina
  15. Inno alla vita, mia Diletta!

    Foto straordinarie...

    RispondiElimina
  16. ciao Sciarada, mi hai fatto tornare indietro con la canzone, bel canto,grazie, ispirato alla semplicita' e alle piccole cose quotidiane, che sono alla base della nostra vita, complimenti per le immagini e per la scelta degli argomenti sempre interessanti e particolari.)
    ciao baci rosa a presto, buona giornata.

    RispondiElimina
  17. Cara Sciarada,mette allegria il tuo blog, ti lascio un affettuoso
    weekend!
    Dora

    RispondiElimina
  18. Un canto che porta allegria e amore!
    Le immagini sono meravigliose e i versi pieni di vita!
    Buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  19. un ottima scelta questa poesia del canto del grano, a volte ci dimentichiamo che la base della nostra alimentazione, ma sopratutto della cultura popolare che è nota attorno alla coltivazione

    RispondiElimina
  20. ¸.•°❤ ❤⊱彡
    Canção muito agradável.
    ¸.•°❤ Boa Noite, amiga! ❤⊱彡

    RispondiElimina
  21. Tutti i canti dei pellerossa parlano della natura, salvo quelli di guerra contro i bianchi conquistatori. Io sto dalla parte degli indiani. Bel post di rientro, Sciarada, e un buon fine settimana.

    RispondiElimina
  22. R5icordo la canzone di sottofondo, la cantava Louiselle.
    Per 5il resto, da fedele lettore di Balla co5i lupi, anch'io sto con gl indiani.
    E con tutti coloro che sono stati privati della loro terra e della loro libertà.

    RispondiElimina
  23. un petit salut de la provence... je ne peux encore voir tes photos..le plugin se plante! :)))

    RispondiElimina
  24. Che bello questo canto che canta la natura, simile alla vita.
    Sempre grandi gli indiani.
    Un abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  25. Straordinaria un'ode che riporta, alla terra che tutto feconda...
    i chicchi di grano dai quali ricaveremo il nutrimento!
    Gratitudine di un popolo saggio che non mancava mai di ringraziare prima e dopo,
    senza avidità ma caritatevoli con i più fragili.
    Quanta saggezza dobbiamo ancora apprendere e far nostra!
    Brava Sciarada, ottimo post dalle splendide spighe dorate.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...