lunedì 18 febbraio 2013

Il Congresso degli Arguti - L' Abate Luigi


Ebbene si! Il povero Abate Luigi dopo aver dato voce, insieme alle altre statue parlanti, al malcontento del popolo, è stato alla fine imprigionato in una gabbia con steli di ortica che in piena solidarietà  gli tengono compagnia e se si osserva attentamente si intravede un sorriso sulle sue labbra che non vuole cogliere lo stato di indecoroso abbandono che lo circonda, ma tutto il pregio  di un pianeta che porta in sé, sempre indomabile, il seme della vita che germoglia ogni qual volta gli esseri umani non sono impegnati a distruggerlo ed è a quello che da valore al contrario dei "potenti padroni del mondo".  


L'Abate Luigi è una statua romana di marmo bianco che raffigura un magistrato o un oratore con una  toga sfarzosa, risale all'epoca tardo imperiale ed è stata trovata durante gli scavi per le fondazioni di Palazzo Vidoni, in quella che anticamente era l'area del Teatro di Pompeo, in un primo tempo la statua venne alloggiata in una nicchia ad angolo tra via del Sudario e vicolo dell'Abate Luigi, poi, in seguito alle demolizioni per i lavori di sbancamento per l'apertura di corso Vittorio Emanuele II, fu allocata nel cortile di Palazzo Chigi a piazza Colonna, nel 1924 fu trasferita per breve tempo a palazzo Caffarelli e ricollocata infine a ridosso del muro della Basilica di S. Andrea della Valle a piazza Vidoni, sede del suo originario ritrovamento.


Il suo nome sembra che sia un omaggio del popolo al saggio sacrestano  della chiesa di via del Sudario

FUI DELL'ANTICA ROMA UN CITTADINO
ORA ABATE LUIGI OGNUN MI CHIAMA
CONQUISTAI CON MARFORIO E CON PASQUINO
NELLE SATIRE URBANE ETERNA FAMA
EBBI OFFESE, DISGRAZIE E SEPOLTURA
MA QUI VITA NOVELLA E ALFIN SICURA


A causa della prolungata esposizione agli agenti atmosferici l'Abate Luigi perse la testa originale nel 1888 che  fu rimpiazzata immediatamente da un'altra di epoca romana e quando nel suo peregrinare giunse nel ricco palazzo Caffarelli dichiarò con una vena sarcastica di "aver perso la testa"; nel 1966 la testa fu decapitata ancora una volta e ricostruita nel 1970 dal calco di una sua copia conservata al museo di Roma in Trastevere, all'autore di questo atto vandalico  la statua dedicò la sua ultima pasquinata:


"O tu che m'arubbasti la capoccia
vedi d'ariportalla immantinente
sinnò, vòi véde? Come fusse gnente
me manneno ar Governo. E ciò me scoccia."

"O tu che mi hai rubato la testa
vedi di riportarla immediatamente
se no vuoi vedere? Come fosse niente
mi mandano al Governo. E ciò mi scoccia."


Post dedicati al Congresso degli Arguti

31 commenti:

  1. Ri-valorizzare il patrimonio artistico, ridare metaforicamente la testa all'Abate,darebbe lavoro a molti giovani e conferirebbe nuova dignità all'arte italiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Costantino, forse per alcuni sarà solo retorica, ma con la tutela necessaria per il patrimonio culturale e artistico del nostro paese, non dovrebbero esserci più disoccupati!

      Elimina
  2. opere d'arte dimenticate tra le ortiche,mi sembra quasi un atto sacrilego.
    un bacio Sciarada

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Graziella, è assolutamente sacrilego!
      Un bacio a te e grazie!

      Elimina
  3. Forse sorride perché alla nuova "capoccia" prima di applicargliela, potevano accorciare un po’ il collo, così sembra una giraffa:-)
    Buona giornata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enrico, ma lo sai che i Beni Culturali la pensano esattamente come te? Ma chi sa quando avranno il denaro necessario per poter intervenire!
      Un abbraccio a te e lieto giorno! ^_^

      Elimina
  4. Ciao Sciarada grazie per questo storico post
    e un peccato ci sia questo degrado,
    bella l'ultima pasquinata.
    Serena settimana

    Tiziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziano, hai ragione, una bellissima pasquinata che vale oggi come ieri!
      Buona settimana a te!

      Elimina
  5. Sorriso sarcastico?


    Buon inizio settimana con un bacione, mia Diletta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un sorriso sarcastico e anche consolatorio quello dell'Abate Luigi, si rifugia nella sublimazione della natura che li dove dovrebbe essere contenuta dilaga e dove potrebbe dilagare è distrutta!
      Lieti giorni a te Mio Dolce Sorriso, ricambio di cuore il bacione!

      Elimina
  6. Quante cose imparo quando vengo qui! Grazie!

    RispondiElimina
  7. grazie per queste informazioni. Sono contenta di aver letto un tuo commento. ti aspetto ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, son contenta anch'io che tu l'abbia gradito, a presto!

      Elimina
  8. ....ciao Sciarada, da te s'imparano sempre tante belle cose che riguardano l'arte, come questo straordinario post che oltre a farci conoscere opere e artisti del passato, ci rammenta quanto il presente sia poco attento alla nostra ricchissima storia...con tanta stima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sergio, l'Anima di un eccellente poeta come te non può che esser sensibile e attento all'arte che ha scritto la nostra storia di italiani!
      Grazie a te e un bacio!

      Elimina
  9. Pensa che ho lavorato da quelle parti - vicino Largo di Torre Argentina - negli anni 1947, '48 e '49 e non mi sono mai accordo di quella statua romana anche se quasi tutte le sere passavo proprio in via del Sudario con la mia ragazza.
    Fortissima la pasquinata.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Aldo, ma come potevi vederla se i tuoi occhi erano tutti per la tua ragazza? ^_^
      Anche per me la pasquinata è fortissima e anche attuale, un abbraccio e grazie!

      Elimina
  10. Ciao Sciarada !
    Sorry but I did not get any translation for reading your post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claude, J'espère que ce n'est qu'un problème temporaire, laissez-moi savoir si ça n'est pas!

      Elimina
  11. grazie...veramente interessante...di piacevole lettura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie cara Maria Antonietta, sono lieta che tu l'abbia apprezzato!

      Elimina
    2. passeggio volentieri nel tuo blog....anche se sono poltrona a lasciar tracce.
      un abbraccio
      mietta

      Elimina
    3. Ti lascio qui un bacio per ogni volta che in passato non sono riuscita a scorgere le tue tracce ed uno per ogni volta che non riuscirò a scorgerle in futuro!
      Un abbraccio a te Mietta!

      Elimina
  12. E' vero che questa statua meriterebbe un posto migliore. Grazie per la pasquinata che non conoscevo e che mi sono goduto in romanesco. Non so se te l'ho già detto, ma sono vissuto quasi due anni a Roma e vi ho fatto la terza elementare. Avevo talmente appreso il dialetto che sono stato scelto per recitare, davanti al Preside ed agli altri insegnanti, la poesia "San Giuseppe fritellaro". Altri tempi. Buonanotte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elio, si me lo ricordavo che avevi vissuto a Roma, sai che mi piacerebbe sentirti parlare in dialetto, te la ricordi ancora "San Giuseppe fritellaro" ?
      Buona giornata a te!

      Elimina
  13. Ciao prof.e grazie per l'interessante lezione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao B.S. e grazie a te, sono un po' diverse queste foto da quelle che qualche tempo fa hai scattato tu a questa statua, che ne pensi? ^_^

      Elimina
  14. The statue has certainly been through the wars and travels for that matter.

    I fondly remember a short walk around Trastevere and I have some watercolour prints of it. Have a good week.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao J, I am glad to have you recalled pleasant things!
      Good week to you and thanks!

      Elimina
  15. ...ciao Cara Sciarada, un ripasso fatto in punta di piedi e con un interesse sempre vivo...grazie e trascorri una felice Pasqua...abbraccio..

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...