venerdì 26 ottobre 2012

Lo specchio di Golconda - I miracoli esistono

Golconda non scriveva su Anima Mundi da tanto tempo e in una fase profondamente acuta di odio per il suo alter ego o per se sé stesso in cui la sofferenza e la rabbia erano dilanianti, è ritornato per annunciare la sua morte, ma un istante dopo aver ucciso il suo nome metaforico è risorto dalle sue ceneri proprio come l'Araba Fenice; Golconda  tra grandezza e rovina, tra luce e ombra, tra amore e odio, sospeso tra cielo e terra ha sentito la sintonia del mondo esterno, ha sentito il sostegno non viziato dall'affetto o dalla conoscenza e sta rigenerando con fatica la voglia di vivere e raccontare.

Sperando di non essere contagiato dall'infezione politichese contratta da portatori sani quali i nostri politici, bensì mosso unicamente da sparuti rigurgiti della mia fede cattolica, torno a scrivere consapevole del disprezzo che posso suscitare per aver dichiarato la morte di Golconda e subito dopo la sua resurrezione, comportamento abituale del politico italiano, però forte è il desiderio di testimoniare un miracolo.
Solo tre giorni orsono in preda al desiderio di sconfiggere il peggior nemico di me stesso, la testardaggine, mi sono imposto di piazzarmi davanti al televisore per tutto il giorno, nell'ultimo disperato tentativo di cogliere una qualsiasi forma, anche appena accennata, di razionalità nei discorsi che tutti i praticanti della politica ed i loro derivati potessero esternare. Vi confermo che i miracoli esistono; ma non crediate nemmeno per un secondo che possa essere accaduto quanto anelavo, in seguito chiarirò l'aspetto mistico. 
Non posso riportare tutte le stronzate sarebbe un sacrificio lungo e masochistico, ma tre cose sono rimaste impresse più di altre per la loro perfetta, compiuta, persino artistica idiozia. 
La prima di buon mattino, così da ambientarsi subito all'odore del pattume, è uscita dalla bocca di una giornalista, la signora Annunziata da me oltretutto ritenuta di livello più alto, suonava pressapoco così: è tempo di dire agli italiani che anno vissuto per anni al di sopra delle loro possibilità!".
Ma che vuol dire? Che quando compravo la macchina, magari spendendo più di quanto potevo,  correva lo stato, magari a mia insaputa, a pagare le rate? O forse senza accorgermene i soldi di molteplici quanto inutili telefonini di ultima generazione distrutti dai miei figli provenivano dalla Cassa Depositi e Prestiti?
Finitela di raccontarci cazzate! Non sono gli italiani ad aver vissuto oltre i propri limiti, ma lo stato mediante i suoi voracissimi esponenti politici senza distinzione di colore e tantomeno di statura morale, che hanno gettato il denaro del popolo nei loro personali pozzi dei desideri senza soluzione di continuità.
Questi si, vivevano oltre le loro possibilità, ma cosa ben peggiore oltre le loro capacità.
Così di buon mattino ero già in preda alla nausea ma determinato nel mio intento  continuavo ad ascoltare.
Solo verso l'ora di pranzo tra un mare di inutili rumori si stagliava la voce di Massimo D'Alema che con fare istituzionale affermava essere sua ferma intenzione, il sostegno al candidato Bersani nelle primarie del centro - sinistra, cosa più o meno condivisibile, ma aggiungendo subito dopo che in caso di sconfitta di Pier Luigi Bersani a vantaggio di Matteo Renzi sarebbe stata la guerra.
Alla faccia della libertà, se vinco io bene, se perdo butto all'aria il tavolo.
Complimenti! Mai esempio di democrazia fu più fulgido. Immaginate voi se per un attimo Hillary Clinton durante le primarie dei democratici avesse dichiarato in tutta tranquillità in caso di sua sconfitta a vantaggio di Barack Obama che lei si sarebbe prodigata nel tentativo di combattere in ogni modo il prossimo presidente degli Stati Uniti ? Non oso pensare  alle conseguenze .
Eppure il nostro ben amato ex Premier, ex ministro, ex segretario, ex presidente ed ex di qualcosa che ora dimentico dichiara al popolo che o è così, o ...


"Ma mi faccia il piacere!" avrebbe detto Totò, non sarà forse che a Massimo D'Alema oggi il color rosso non si addica più? Magari può tentare con qualcosa di più scuro viste le intenzioni,   noo?  
Verso sera le speranze si erano ridotte a lumicino ed avevo fatto  appello alla mia fede affinché almeno una minuscola, insignificante parola decente, saltasse fuori da quella starnazzante assemblea di oche giulive ( beninteso con oche giulive comprendo ambedue i sessi ), ma nulla, anzi proprio in chiusura una voce si faceva largo tra le altre come stella cometa, fuoriuscendo dalla caverna orale di una famosa economista  di cui per mia fortuna non ricordo nemmeno il nome, la quale a precisa domanda per quale motivo le banche non dessero denaro alle imprese dopo averne ricevuto in quantità, usando parole forse diverse ma dall'identico significato di quelle che io sto per usare, rispondeva più o meno così:" è evidente che in un periodo di crisi  così profonda le banche non diano denaro a chi in teoria potrebbe correre il rischio di non farcela".
Già sul momento può apparire sensato, stavo per illudermi quando una vocina maligna mi  ha sussurrato nell'orecchio :" fammi capire, ma non erano proprio le banche a correre il rischi di insolvenza? Senza considerare che forse erano anche la causa di tutto? Ed allora perché hanno ricevuto denaro in quantità industriale, denaro dato dagli stati e quindi dei popoli? Perché loro si e le imprese no? Vuoi vedere che sono davvero enti benefici e per questo non pagano nemmeno l'I.M.U.?
A tarda sera mi sono arreso con l'unico rammarico che anche il mio Dio non aveva voluto regalarmi un piccolo segno, ma da misero miscredente sbagliavo ed il perché sto per dirvelo. Così mi sono alzato per spegnere mentre quelli rimasti si scambiavano le solite frasi trite e ritrite.
L'ultima che ho udito è stata:" credi di vivere come Alice nel Paese delle Meraviglie?", frase mille volte ripetuta da questi poco fantasiosi idioti, sbagliando anche favola, impossibile neppur sognandolo quel paese.
Piuttosto indicherei Cappuccetto Rosso almeno di lupi, ne volessi!


Ho pensato anche a proporre "I Tre Porcellini", ma ho scartato subito l'ipotesi perché per quanto giravo e rigiravo il numero tre non ci stava da nessuna parte, mi avanzavano sempre alcune migliaia di porci.

Scusate se vi ho tediato ma avevo un bisogno impellente di vomitare tutto fuori, siate benevoli con me perché rispetto tutti voi gente del popolo.

P.S. Ah! Dimenticavo il miracolo, sono andato a dormire triste ritenendomi non meritevole neppure di un segno divino, il mattino seguente alzandomi ho premuto il tasto di accensione del televisore che è rimasto inattivo, in quello stesso istante ho appreso che la società per l'energia mi aveva ridotto la potenza, ero inadempiente e potevo usufruire solo di una minima parte della medesima, lampadine e poco altro, niente frigo, niente  asciuga - capelli e soprattutto niente T.V.
Un attimo di stupore poi il miracolo mi è apparso chiaro come per S. Paolo sulla via di Damasco, non potevo più sentire tutte quelle cazzate anche l'avessi voluto.
Beh! Non ci crederete di buon mattino mi venne di pregare.
Ora sto meglio, solo un po' stanco, ma poco, perché non dormo da tre giorni, monto la guardia ininterrottamente al mio contatore esterno, hai visto mai che a qualcuno passasse per la testa di ridarmi potenza!
Golconda



Il Caporale Tiziano Chierotti originario di Sanremo, appartenente al Secondo Reggimento di Cuneo, inquadrato nella brigata Taurinense, ha perso la vita a 24 anni, alle ore 19.45 ora afghana del 25 ottobre 2012, dopo essere stato ferito all'addome in un attacco a fuoco, mentre era di pattuglia a Bakwa nella provincia di Farah a sud di Herat - Afghanistan


15 commenti:

  1. Ho letto d'un fiato questo sfogo, e lo condivido.... Non ricordo più da quanto tempo non ascolto il tg , né guardo trasmissioni in cui possano parlare o apparire politici...la nausea è troppo grande. Ciao Sciarada e un saluto a Golconda.

    RispondiElimina
  2. Un pensiero a quel ragazzo che a soli 24 ha perso la vita e la mia solidarietà alla famiglia

    RispondiElimina
  3. je ne regarde pas non plus la télévision italienne, la politique + les émissions soi-disant divertissantes sont d'un niveau absolument déplorable.. et saupoudrés de publicité sans fin...à quand le changement??
    bises

    RispondiElimina
  4. Mi sei piaciuto Golconda...evvai!


    Un altro giovane morto...che rabbia!
    Condoglianze alla famiglia.

    Bacioni a te dolcissima!

    RispondiElimina
  5. Una preghiera per l'ennesima vita stroncata da queste guerre che nessuno, tranne i costruttori di armi, vorrebbe.
    Condivido pienamente i pensieri di quel masochista di Golconda che è riuscito ad ascoltare per una giornata intera le cavolate sparate da politici e TV.
    Ciao Sciarada buona giornata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  6. Un sfogo condiviso leggendolo mi sono sfogato un pò anc'io

    un pensiero e una preghiera per l'ennesimo giovane che a donato la sua vita per la pace
    il mio cordoglio e la mia solidarietà alla famiglia

    ciao Sciarada buona serata un abbraccio
    Tiziano.

    RispondiElimina
  7. Sciarada leggo il tuo accorato sfogo,
    e mi unisco ate con la stessa indignazione..
    possibile che ancora dobbiamo assistere a perdite..
    si giovai strappati alla vita,
    e crudeli dolori per le loro famiglie alle quali arrivi,
    il nostro dispiacere, e le più sentite condoglianze.
    Un abbraccio a te cara Sciarada.. a presto Gabry

    RispondiElimina
  8. Che faccio condivido questa perla di post in toto oppure lo suddivido minuto per minuto?
    Tanto il risultato sarebbe lo stesso e cioé la rabbia mi assale ogni qualvolta vedo in TV 'sti politicastri rubagalline.
    Un caro saluto a te e a Sciarada,
    aldo.

    RispondiElimina
  9. Come si può non condividere quanto affermato?!
    Altro che nausea, l'olezzo oltrepassa anche lo schermo della tv.
    Mi dispiace solo per quel ragazzo.
    Odio i funerali di Stato, falsi e pomposi.
    Un affettuoso saluto a te

    RispondiElimina
  10. Ciao Sciarada!
    Siamo tutti esausti di stare ad ascoltarli..parlano e parlano anzi straparlano e ci spillano soldi in quantità'
    Funerali di stato…a che servono ..ci pensassero prima ad evitare vittime cosa aspettano a ritirare le truppe?
    Un abbraccio caro

    RispondiElimina
  11. La politica ha sempre la sua faccia della medaglia nascosta, che va allontanata con il voto popolare. Domani cambieremo rotta.
    Onere ai caduti, uno di NOI.
    Buon fine settimana
    Maurizio

    RispondiElimina
  12. ...mi associo allo sfogo più che legittimo di Golconda, al quale aggiungo la mia ormai insopportabile indignazione e rabbia. Sono contento che la penna di fine e acuta fattura di Golconda sia emersa dalle ceneri come affermi tu cara Sciarada. Denunce così chiare e coinvolgenti sono necessarie. I moti rivoluzionari del 1848 iniziarono con infiniti e fitti scritti di protesta in tutta Europa, per poi sfociare in conflitti armati. Dico questo, perché sono convinto che questi politici sedentari, vecchi, obsoleti, sclerotici, senza morale e dignità, hanno saputo trasmettere alle classi più giovani, gli stessi virus maligni ospiti della stessa vecchia classe politica. Allora questi malati senza cura, o si auto eliminano, oppure non ci resta che farlo con la forza. Se il vecchio Napolitano, alla soglia terminale della ragione, non avesse insistito per mantenere le nostre truppe di giovani in difesa, quanto si vuole della libertà di altri popoli, oggi non piangeremmo un'ennesima vittima. Alla quale va tutto il mio cordoglio. Domanda: ma perché gli americani, visto che già stanziano qui da 50 anni, non ci liberano dall'oppressione dei nostri falsi politici? E già, qui non ci sono interessi economici, ricchezze naturali da sfruttare. Come non ci sono in Siria. Che poco se ne parla, ma ogni giorno muoiono centinaia di anime innocenti. Io non sono per la violenza, ma non avendo noi un Gandhi, cosa ci resta da fare? Caro Golconda, dall'alto della tua chiara visione politica, quale futuro vedi per noi poveri diavoli? Perché per i borghesi e i capitalisti, poco cambia difronte a qualsiasi schieramento politico. Condivido la tua nausea e mi complimento per come scrivi. Un caro saluto a te e alla tua resurrezione...Alla Sciarada strappalacrime un affettuoso abbraccio...

    RispondiElimina
  13. ╔═╦═╦╗╔╦═╦═╗╔═╦═╦══╦═╦═╦╦═╦═╗
    ║═╣═╣║║║╠╣═╣║║║║║║║║═╣║║║╠╣╬║
    ║╔╣═╣╚╣║╠╣═╣║║║║║║║║═╣║║║╠╣║║
    ╚╝╚═╩═╩╩═╩═╝╚═╩═╩╩╩╩═╩╩╩╩═╩╩╝
    .(\(\..♥../)/)
    ..( ‘.’)….(‘.’ )
    o(_”)”).(“(“_)o..
    ”˜˜”*°•. ˜”*°••°*”˜ .•°*”˜˜”*°•.
    ♥ ♥ ♥ Un salutone per te!!♥ ♥ ♥

    █▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▒▒▒▒▒░▀▀█
    █▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▒▒░░░░▒▒░█
    █▀▒▒▒▒▀▀▒▒▀▒▒▒▓▓▓░░▒░█
    █▒░░░▓▒▒▒░░▒░░░▒▓░▒▒░█
    █▀▒▒▒░░░░░░░░░░░▒▒▒░▀█
    █▀▀▒░░░░░░▄▄░░░░░░▒░▀█
    █▀▀▒░▄▄░░░▐█░░░░░░▒░▀█
    █▀▀▀▒▐█░░░░░░░░░░▒░▀▀█
    ▒▓▒▒░▒░██░░░█░░░░▒░▀▀█
    ▒▓▓▒▒▒▄▄▄▄█▀░░░░▒░▀▀▀█
    ▒▓▓▒░░▒▒▀▀░░░▒░▒░▀▀▀▀█
    █▒▒░░▒▒░▒▒▒▒▒░░░▒▒▒▒▀█
    █▀▒▒▒▒░░░░░░░░░▒░░░░▒█
    █▀▀▀▀▀▒░░░░░░░░░▒░▒▒▀█
    █▀▀▀▀▀▀▒░░░░░░░░░▒░▀▀█
    █▀▀▀▀▀▀▒▒░░░░░░░░▒░▀▀█
    █▀▀▀▀▀▀▒░░░░░░░▒▒▒▒░▀█
    █▀▀▀▀▀▒░▒░░░░░▒░░░▒▒▀█
    █▀▀▀▀▀▒░░▒░░░▒░░░░░▒▀█
    █▀▀▀▀▀▒░░░▒▒░▒░░░░░▒▀█
    █▀▀▀▀▒░░░░▒▒▒▒░░░░░▒▀█
    █▀▀▀▒░░░░░▒▀▀▀▒▒▒░░▒▀█
    █▀▀▀▒▒▒▒▒▒▀▀▀▀▒░░░░▒▀█
    ▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▀▒▒▒▒▒▒▀▀

    RispondiElimina
  14. L'idea è buona, non pagherò la prossima bolletta.

    Per il resto, non mi va di commentare cause ed oportunità di una tragedia, in questi momenti sarebbe fuoriluogo. Una preghiera.
    Ciao

    RispondiElimina
  15. Sono tornata e questo tuo post mi fa riflettere. Grazie.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...