venerdì 4 maggio 2012

Caina

" Caina.
Ooe! Teoe! Tu momoi, tu femi, tu sei tutta ossa, adono i tuoi lumi come il petolio di pima qualità. Io son qui tepido, io gelo. Voglio pomi a' tuoi piedi. Mi pedoneai!? Ah il tuo viso è di cane, ma il tuo coe è di mamo! Sono un melo se speo. Tu sei piva di pietà.
Caina, imosi d'impetinenze io ne ho pochi; sei tu che hai il gosso! Pue io son gigio e tu hai le tecce bionde. Io poi getto dadi zuccheini e tu oende fecce, io fioi e tu tosi. Ancoa non mi soidi? Io m'attisto e dispeo, ma non m'adio pecò; anzi pensando, babaa, alla tua pospea vita, ti dico: "Scoa lunga!"
Il tuo cugino scoato
Antonio"

Quella su citata è una lettera che, in gioco scherzoso, Antonio Fogazzaro scrive alla cugina Anna omettendo tutte le r - erre. Credo che per gli italiani sia abbastanza intuibile il senso di ciò che Fogazzaro dice mentre per  gli altri  amici sarà  sicuramente complicato, ma, dopo aver lasciato il tempo, a chi vuole, di giocarci un po', aggiornerò il post includendo le  r - erre nella  lettera e qualche piccola nota che la renderà comprensibile a tutti.

Aggiornamento 5 maggio 2012

Leggendo la lettera di Antonio Fogazzaro, si ha la sensazione di trovarsi davanti ad un dolce bambino che sta imparando a parlare e non riesce a pronunciare tutte le r - erre, però dopo tanti tentativi ecco che:

" Carina.
Orrore ! Terrore! Tu mormori, tu fremi, tu sei tutta rossa, ardono i tuoi lumi come il petrolio di prima qualità. Io son qui trepido, io gelo. Voglio pormi ai tuoi piedi. Mi perdonerai!? Ah il tuo viso è di carne, ma il tuo cuore è di marmo! Sono un merlo* se spero. Tu sei priva di pietà.
Carina, rimorsi d'impertinenze io ne ho pochi; sei tu che hai il grosso*! Pure io sono grigio e tu hai le trecce bionde.  Io poi getto dardi  zuccherini* e tu orrende frecce, io fiori e tu torsi*. Ancora non mi sorridi? Io m'attristo e dispero, ma non m'adiro perciò ; anzi pensando, barbara, alla tua prospera vita, ti dico: "Scorra lunga!"
Il tuo cugino scorato* 
Antonio"

Sono un merlo* = sono uno sciocco 
il grosso* = le colpe più gravi
dardi zuccherini* = frecce  di zucchero
torsi* = torsoli - parte centrale dei frutti che non si mangia
scorato* = avvilito, disperato 

13 commenti:

  1. Io non capivo niente.
    =D =D =D

    Baci, cara amica.

    RispondiElimina
  2. Ciao Sciarada carina la lettera
    con un po d'impegno si può decifrare
    buona giornata.

    RispondiElimina
  3. Carina!
    Buon fine settimana Sciarada

    RispondiElimina
  4. Era spiritoso Fogazzaro, sotto questo aspetto non lo conoscevo proprio.
    Ciao Sciarada, buon fine settimana!

    RispondiElimina
  5. Ciao Sciarada!
    Con impegno sicuramente eh…ehehehe alcune parole risultano veloci da comprendere altre le si deve sillabare per comporle ma il gioco lettura è stato divertente
    Un abbraccio grande per il week
    Bacio e sorriso

    RispondiElimina
  6. Ricordo di aver studiato questa lettera di Antonio Fogazzaro,mi dispiace che le nuove generazioni siano private della conoscenza di questo grande autore!!!!

    RispondiElimina
  7. Molto divertente il post e bello il tuo blog,l'ho scoperto gironzolando qua e là per il web.
    Ho notato che nella presentazione abbiamo delle cose in comune.
    Ciao e complimenti.

    RispondiElimina
  8. C'è un modo di fare cultura che non è necessariamente formale o barboso. Questo è uno di quei casi, in cui si può conoscere un aspetto del carattere di un artista attraverso un episodio di vita privata e senza "appesantimenti dottrinali".
    Grazie, amica Sciarada, per questa simpatica chicca.

    RispondiElimina
  9. Buona domenica cara!
    Dovremmo imparare a sorridere ogni mattina…
    Dovremmo alzarci dal letto,
    pensando che quel giorno può essere un giorno perfetto.
    Non importa se piove… non importa se non ti va…
    non importano i se e i perché…
    l’importante è che provi a sorridere,
    anche quando ti sembra inutile.
    Non si sa mai che qualcuno potrebbe innamorarsi del tuo sorriso!
    Fabio Volo, Il giorno in più

    RispondiElimina
  10. Interessante e divertente davvero.
    Grazie Sciarada, è qualcosa d'insolito che non conoscevo.
    Un abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina
  11. Molto simpatica!
    Non conoscevo"questo" Fogazzaro.
    Ciao buona giornata, un abbraccio.
    enrico

    RispondiElimina
  12. Molto simpatica!
    Non conoscevo"questo" Fogazzaro.
    Ciao buona giornata, un abbraccio.
    enrico

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...