mercoledì 16 novembre 2011

Musica che uccide ...



Strumento musicale importato illegalmente e sequestrato perché costruito con il carapace della   Testudo Kleinmanni  Werneri ormai quasi estinta in natura.
Il Bioparco di Roma oltre allo zoo di Gerusalemme è l'unica struttura a livello internazionale che ospita questa specie in via di estinzione e ha avviato, con la cooperazione di altri zoo, un progetto di studio genetico, morfologico e di riproduzione in cattività che ha lo scopo del rilascio in natura degli individui procreati.

14 commenti:

  1. Il carapace, nel pensiero di chi ha costryuito lo strumento musicale, forse aggiunge pregio e unicità all'oggetto, ma come si fa ad uccidere una tartaruga a scopo ornamentale?!

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questo strumento musicale, cara Sciarada.
    Da te c'è sempre da imparare.

    Buona giornata tesorino.

    RispondiElimina
  3. Ciao Sciarada,
    è importante e meritorio questo tuo post.
    Alla prossima.

    RispondiElimina
  4. Combattere questi sfruttatori della natura per ottene dei strumenti musicali è veramente vergognoso cara Sciarada.
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. La crudeltà dell'uomo non conosce limite!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Let's hope there won't be any buyers for this kind of art and so the turtles won't be killed!
    Thanks for sharing, Sciarada;o)

    ***
    Hope you are having a fabulous week****

    RispondiElimina
  7. I always cry for these animals killed for some small money. I love people engaged in such projects.

    RispondiElimina
  8. Se trata de uno strumento ingegnoso ma povera piccola tartaruga! = (
    Baci, cara Sciarada.

    RispondiElimina
  9. Ciao Sciarada !
    Uccidere le tartarughe per rendere gli strumenti musicali, in che modo orribile!
    E 'una cosa molto buona per proteggerli.

    RispondiElimina
  10. l'avidita' dell'uomo non ha confini,cara Sciarada..sono felice che si faccia qualcosa,per queste creature :)grazie per questo bell'articolo d'informazione,complimenti per la belissima e nuova intestazione del blog e grazie tante,per gli auguri..si,oggi è S.Elisabetta..bacioni,cara e buona serata ;0))

    RispondiElimina
  11. Prima distruggiamo e poi corriamo ai ripari! Che tristezza.

    RispondiElimina
  12. Bisognerebbe fare dei tamburi con la pelle di quelli che hanno ucciso la tartaruga, ma, purtroppo, sono un pacifista e quindi mettiamoli solo in galera con l'obbligo di nutrire gli animali. Personalmente ho paura che degli animali abituati ad essere nutriti e vezzeggiati in uno zoo, abbiano delle difficoltà ad ambientarsi nell'ambiente naturale. Ma non si sa mai. Buonanotte.

    RispondiElimina
  13. Ciao, sono pienamente d'accordo con ciò che scrivi...però c'è anche da dire che alcuni potrebbero essere fatti con il carapace di una tartaruga morta non per mano dell'uomo...in quel caso non ci vedrei nulla di male.

    RispondiElimina
  14. Ciao Sciarada, sono Audrey dell'atelier se x te va bene pubblico il giorno 9. Scrivo qua e nn nel post del calendario xké dal cell ho difficoltà.
    P.S. Povera tartarughina ���� un abbraccio e buona serata ����

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...