martedì 5 luglio 2011

Paleosuchus Trigonatus Schneider 1801

" ... Intanto si andava innanzi; bisognò passare a guado diversi fiumi, e non senza qualche pericolo, perchè erano infestati da caimani lunghi da quindici a diciotto piedi ... "

Dalla terra alla luna
Jules Verne 


Il "Paleosuchus Trigonatus Schneider 1801"-  dal greco antico "palaios" che significa "antico" più "suchus che significa "coccodrillo" e in riferimento alla forma della testa da "trigonos che significa "tre punte" piu il suffisso latino "recchi che significa  "dotato", è comumente conosciuto con il nome di "Caimano nano di Schneider".


E' originaro del Sud America, vive in natura in Amazzonia, Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Guyana, Perù, Suriname e Venezuela, in ambienti  fino a 1300 metri di altitudine, che si trovano prevalentemente lungo corsi d'acqua dolce non particolarmente profondi, ma a volte può trovare rifugio in cunicoli sotterranei.


Si sposta generalmente di notte per pattugliare il territorio o per procacciarsi il cibo, gli adulti si nutrono di lucertole, porcospini, serpenti, uccelli, mentre i piccoli di piccoli invertebrati.


Il colore del  manto è bruno con sfumature verdastre, non ha l'infra orbitale, una cresta ossea necessaria per rafforzare il cranio e le dimensioni che riesce a raggiungere variano tra 1,7 e 2, 3 metri di lunghezza, eccezionalmente 2,6 .


Si riproduce tra i 10 e i 20 anni, quando le femmine hanno raggiunto 1, 3 metri di lunghezza e i maschi 1,4; le femmine all'inizio delle piogge autunnali costruiscono i loro nidi tumulo  possibilmente vicino a dei termitai per fargli assorbire il calore che essi  rilasciano,  necessario per una corretta l'incubazione, qui depongono dalle 10 alle 20 uova che si schiuderanno dopo 115 giorni.

11 commenti:

  1. I rettili non sono propriamente gli animali che mi ispirano simpatia. MA forse neanche io ne ispirerei a loro!
    La natura è così varia, ricca, incredibile. Questi animali li ho visti allo zoo: enormi eppure agili, dalle sfumature particolarmente brillanti sul corpo.
    Grazie per le tue foto e la condivisione del sapere!
    ciao

    RispondiElimina
  2. Sciarada, foto molto belle e significative, complimenti!

    RispondiElimina
  3. Come sempre si rimane d'incanto guardando le foto che pubblichi, queste di questi rettili sono affascinanti.
    Buona giornata cara Sciarada.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Sciarada, ma dove vai a scattare quelle foto fantastiche, uniche, eccezionali?
    I tuoi post incuriosiscono sempre sia per le foto che per i testi.

    RispondiElimina
  5. Per Ambra
    Le foto le ho scattate al rettilario del Bioparco di Roma e credo che il gioco delle luci sull'acqua abbia contribuito notevolmente a renderle gradevoli!

    RispondiElimina
  6. Mi piace ammirare questi adorabili rettili molto da.......lontano, ancora meglio se in fotografia!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. What a scary creature! Dear friend, I need you to put a translate button on your sidebar, so I can see what your posts say in English. I hope you are having a great week!

    RispondiElimina
  8. Personalmente non amo questi animali. I rettili è una specie che proprio non amo.
    Devo però dire che queste immagini sono molto affascinanti. ciaoo Sciarada.

    RispondiElimina
  9. Le fotografie sono "uniche" per bellezza,nitidezza, e per il soggetto interessantissiomo.
    La prima volta che vado a Roma, vado al rettilario, che a questo punto credo sia molto interessante da visitare.

    RispondiElimina
  10. Sciarada devo aver avuto un problema agli occhi per aver saltato questo post interessante. Belle le foto accompagnate da chiarimenti scientifici chiari. A poco meno di 100 km. da dove abito esiste "La fattoria dei coccodrilli" che ho visitato anni fa. Animali impressionanti e di una forza enorme. Un colpo di coda e sei pronto per finire nelle fauci. Per fortuna avevo un buon teleobiettivo sulla mia telecamera. Buon fine settimana.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...