mercoledì 22 dicembre 2010

L' Albero di Natale

I Celti, come detto precedentemente, il  giorno del solstizio di inverno in cui il  sole vecchio muore per rinascere dall'utero di madre terra come sole bambino, usavano portare nelle loro case dei piccoli alberi sempreverdi ritenuti magici perché resistevano alle rigide giornate di gelo, gli offrivano dei doni per assicurarsi  fortuna e fertilità e li ornavano con delle campanelle per dare la possibilità ai folletti, alle fate e agli elfi che li abitavano di comunicare la loro presenza. Con l'avvento del cristianesimo la tradizione dell' Albero di Natale del sole  incontra la figura di Gesù Cristo diventando così l'Albero di Natale di Gesù Cristo che è luce, e come è scritto nella Bibbia:


"è l’Albero della Vita per coloro che l’afferrano" 


Lode alla Sapienza 
Proverbi 3, 18
e come scrisse Ruperto di Deutz 


"Albero della Vita è il Cristo". 


Nel  medioevo la Germania che per tradizione del "Adam und Eva spiele" - " gioco di Adamo ed Eva",  il 24 di dicembre, vigilia di Natale, rappresentava nelle chiese e nelle piazze il paradiso terrestre, sostituì gli alberi da frutto simboli di  abbondanza con gli abeti simboli di vita perpetua rivelata dal loro essere sempreverdi, caratteristica donata, secondo la leggenda, da Gesù che voleva ringraziarli per averlo protetto e nascosto quando lui era inseguito dai nemici.


A Riga su una targa scritta in otto lingue, si legge che il "primo albero di capodanno" fu addobbato nella città nel 1510, ma i primi documenti ufficiali  che fanno riferimento all' Albero di Natale  sono: 
quelli che nel 1521  autorizzavano i cittadini in Alsazia, a tagliare il loro albero di Natale, 
quelli del 1570 di una cronaca di Brema che secondo il  professore di etnologia di Marburgo Ingeborg Weber-Keller, parla di un albero decorato con mele, noci, datteri e fiori di carta,
quelli del 1605 di una cronaca di Strasburgo in cui si legge che per Natale si portavano in casa gli abeti, si mettevano nelle stanze, si ornavano con rose di carta di vari colori, mele, zucchero e oggetti dorati.


Nel 1774 nel libro di Johann Wolfgang Goethe "I dolori del giovane Werther" l' Albero di Natale fa il suo primo ingresso nella letteratura imponendosi a Weimar importantissimo centro culturale dell'epoca.

"Lo stesso giorno in cui Werther aveva scritto al suo amico l'ultima lettera qui riferita, era la domenica prima di Natale; andò la sera da Carlotta, e la trovò sola. Era occupata a mettere in ordine dei giocattoli che aveva destinato ai fratellini come doni di Natale. Egli parlò del piacere che avrebbero goduto i bambini, e del momento in cui all'inaspettata apertura di una porta sarebbe apparso l'alloro illuminato, ornato di dolci e di mele, facendo provare ai fanciulli gioie paradisiache.
"Anche voi, disse Carlotta, cercando di nascondere la sua confusione con un dolce sorriso, anche voi avrete il vostro regaluccio se sarete buono, una candela di cera, e qualche altra cosa ancora!"

I reali   d'Europa  iniziano dunque ad addobbare gli alberi  di Natale:  
nel 1840 la principessa Elena di Germania, sposa del duca d'Orleans, lo allestì alle Tuileries di Parigi,
nel 1841 entrò alla corte inglese, con l'arrivo  del Principe Alberto di Sassonia, marito di origine tedesca della Regina Vittoria, la quale fece addirittura pubblicare un’ immagine del suo albero di Natale su una celebre rivista dell'epoca, la "Godey's Lady's Book",
alla fine del 1800  la regina Margherita  moglie del re d’Italia Umberto I°, ornò l' Albero di Natale  in un salone del Quirinale che in quel periodo storico era la loro abitazione ufficiale.
Infine anche papa Giovanni Paolo II, durante il suo pontificato introdusse l'allestimento dell'albero natalizio a piazza S. Pietro luogo simbolo del Cattolicesimo mondiale.


Per quanto riguarda gli addobbi abbiamo visto che i primi di cui si ha notizia erano campanelline, mele, noci datteri, fiori di carta di vari colori a cui si aggiunsero ghirlande, nastri colorati e candeline, fino a quando nel 1848 comparve il "Kugel": una larga palla di vetro soffiato variopinto cava all'interno, con dimensioni che variavano dai tre ai venti centimetri, realizzata da alcuni fabbricanti svizzeri e tedeschi.
La versione allegorica dell' albero addobbato  per i cattolici è la celebrazione del legno, che avviene come sostiene Padre Thomas Le Gal,  in ricordo della Croce che ha redento il mondo.


© Sciarada Sciaranti

18 commenti:

  1. Sei veramente meravigliosa.....!!!
    Conosco la storia dell'albero di natale, ma non così fino al fondo.... però mi ricordo della scena dai Dolori di giovane Werther... non lo so perchè, ma quel particolare mi era rimasto molto impresso.
    In ogni caso, sono passata per lasciarti un mio abbraccio; non credo che nei giorni seguenti riuscirò trovare cinque min. per farti auguri: ti auguro di passare le feste con le persone che stiano più al cuore.

    RispondiElimina
  2. I WISH YOU A MERRY MERRY MERRY CHRISTMAS, SCIARADA.
    (I'm very happy to meet you this year..)
    Thanks for all of this information about the treee of "Natale"
    Warm hug
    Sincerely
    Felisa

    RispondiElimina
  3. I love all your christmas trees ! so beautiful !
    Sciarada I wish you and yours a merry Christmas
    and much happiness in the New Year !
    bisous

    RispondiElimina
  4. Vous passez un bon fétes de fin d'année.

    RispondiElimina
  5. Post very insteresting, Sciarada !
    I already heard the Xmas tree comes from Germany.
    Each Xmastree you show in this post are very very beautiful.
    I already did mine. I think Xmas with no Xmas tree is not Xmas.
    MERRY CHRISTMAS SCIARADA and many thanks for your visits and comments on my blog. I appreciate a lot.

    RispondiElimina
  6. J'ai entendu dire qu'on a choisi le sapin comme arbre de Noel parce qu'il est toujours vert.

    RispondiElimina
  7. Ciao Sciarada!
    No i did not get it!..it is ok.. you left me many nice comments!!
    Thank you very much!
    A Merry Christmas for you and your family, and best wishes for 2011!

    Eyeliquor.

    RispondiElimina
  8. The tree has a long story, very interesting!
    I wish you a Merry X-mas ;-)

    RispondiElimina
  9. Ciao cara, ti auguro le cose più belle!!!
    Un bacio,
    Giacinta

    RispondiElimina
  10. Lots of interesting history there, I never knew all that about the Christmas tree. Have a very merry Christmas and a happy New Year!

    RispondiElimina
  11. BUON NATALE E UN ANNO NUOVO FELICE!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. HI There, Merry Christmas.... I LOVE all of your Christmas trees --and the header is fabulous.

    Hugs,
    Betsy

    RispondiElimina
  13. This is an interesting post, Charade... much I didn't know about the origin of the Christmas tree! Buone Feste Natalizie!

    RispondiElimina
  14. Hi Charade beautiful images and story of the Christmas Tree.
    I wish you and your family A Very Merry Christmas and a Happy New Year 2011.

    RispondiElimina
  15. Beautiful trees here. Merry Christmas

    RispondiElimina
  16. Great research and pictures of the trees. Have a great Christmas, J

    RispondiElimina
  17. Sciarada Bella !!! Thank you so much! And I wish you a Merry Christmas and happy New Year!!
    :):*

    RispondiElimina
  18. ...signora Sciarada, le sono infinitamente grato anche per questa lezione di storia che arricchisce le mie modeste conoscenze...mi consolo con le gioie e i dolori del Giovane Werter, che fato mi fece recapitare in un momento particolare della mia vita e che assieme alle altre gioie e lacrime di J.Ortis, feci di loro il mio nutrimento balsamico per crescere...con sincero affetto....

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...