domenica 26 dicembre 2010

Il presepe

" Maria peperit filium suum primogenitum, et pannis eum involvit, et reclinavit eum in praesepio: quia non erat eis locus in diversorio. "
" Maria diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia, perché non c'era posto per loro nell'albergo. "


Vangelo di Luca, II, 7


Da queste parole di Luca si parte per rappresentare quella che diverrà una delle più grandi icone del Natale: il presepe, dal latino  prae-innanzi e saepes-recinto, da cui praesaepe, una mangiatoia, una greppia che accoglie la nascita di Gesù bambino.
La tradizione fa risalire la prima rappresentazione al 1223 quando San Francesco d'Assisi tornato da un pellegrinaggio a Betlemme in Terra Santa decide, ottenendo il permesso di Papa Onorio III, di allestire  a Greccio un presepe vivente, dove oltre alla sacra famiglia sono presenti  il bue e l'asinello  (due figure che furono probabilmente tratte dai Vangeli Apocrifi) e i pastori in adorazione.


Il presepe di Greccio
1290 -1295
 di Giotto
Basilica superiore di Assisi 

Con i Francescani dunque e con i Domenicani successivamente si diffonde l'uso di ricostruire nelle chiese la natività di Gesù Cristo con vari materiali quali pietra, legno, terracotta, ecc.   
Il primo di cui è rimasta traccia, ora conservato al museo Liberiano della basilica di San Maria Maggiore a Roma,  fu scolpito tra il 1290 e il 1292 da Arnolfo di Cambio.


Il presepe
1290 - 1292
di Arnolfo di Cambio
Museo Liberiano di S. Maria Maggiore, Roma  

Dal XIV secolo vengono commissionate le sue rappresentazioni ai più grandi artisti: affreschi, argenti, avori, ceramiche, pitture, sculture e vetrate.


La natività di Gesù
1497 - '98
di Pietro Vannucci detto il Perugino
Collegio del Cambio, Perugia


Adorazione del bambino di S. Vincenzo Ferrer
1455 -1466  circa
di Filippo Lippi
Museo civico di Prato

Nel XV  secolo anche Luca e Andrea Della Robbia dedicano le loro terracotte al presepe e   in questo secolo insieme a quello successivo si propaga l'uso di statue permanenti nella chiese.


La Sacra Famiglia
1593
di Annibale Carracci
Museo del Louvre Parigi

Il XVII secolo si contraddistingue per la diffusione del presepe  nelle case delle nobili famiglie, grazie anche a papa Paolo III che al Concilio di Trento promosse la sua rappresentazione perché la riteneva utile alla fede.
Il XVIII secolo diventa il periodo aureo  dell'arte del costruire il presepe, gli artisti napoletani inseriscono scorci naturali, agropastorali e personaggi fatti di legno o terracotta, con arti in fil di ferro che si muovono; vengono raffigurati i nobili con abiti sfarzosi di stoffa pregiata e ricchi monili, la gente del popolo viene vestita di stoffe  non pregiate, con attrezzi che indicano in maniera precisa i vari mestieri dell'epoca ed i borghesi  i cui abiti sono cuciti con stoffe  di media qualità; in questo secolo, ai simboli originali quali il mantello di Maria che rappresenta il cielo e quello di Giuseppe dal tono dimesso che rappresenta l'umiltà si aggiungono anche l'osteria con i suoi avventori simbolo del  male ed il personaggio di Ciccibacco, che trasporta il vino con le botti su un carretto, che impersona il diavolo .  
Nel XIX secolo ormai il presepe è presente in tutte le case e viene  costruito di varie misure con  i più svariati materiali.

© Sciarada Sciaranti


12 commenti:

  1. Merry Christmas! Love the blog - will pop in again.

    RispondiElimina
  2. Questo post mi ha fatto ricordare una poesia che mi piacerebbe condividere con te

    Il presepe
    Natale. Guardo il presepe scolpito
    dove sono i pastori appena giunti
    alla povera stalla di Betlemme.
    Anche i Re Magi nelle lunghe vesti
    salutano il potente Re del mondo.

    Pace nella finzione e nel silenzio
    delle figure in legno ed ecco i vecchi
    del villaggio e la stalla che risplende
    e l'asinello di colore azzurro.
    Salvatore Quasimodo

    RispondiElimina
  3. Ceci est une bonne suite à l'église que j'ai visité hier et à la crèche que j'y ai vue.

    RispondiElimina
  4. Fascinating history of how this developed. thanks for letting us know.

    RispondiElimina
  5. Prima de arrivare in Italia non sapevo quasi nulla del presepe, questa storia è una meraviglia.

    RispondiElimina
  6. Buon giorno, Sciarada !
    What a beautiful post !

    Christimas with no Christ Child's crib is not Christmas. I am ashamed a litlle bit because mine is in plastic. When I put on a button the light is coming in a lantern, a Xmas music is playing and the little figurines are moving.
    Children and grown-ups enjoy a lot my crib.

    RispondiElimina
  7. Ti auguro un meraviglioso 2011!

    RispondiElimina
  8. Il presepe, tradizione italiana per eccellenza: Francesco si immedesimò e applicò alla lettera il testo Evangelico :"Non c'era posto per loro, nell'albergo..." !!

    Complimenti Sciarada, ti auguro un sorridente 2011.

    P.S. Ottima la scelta dell'Adeste Fideles.

    RispondiElimina
  9. Lovely post! All the best in 2011!!

    RispondiElimina
  10. Ti auguro un sereno e felice 2011.Saluti a presto

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...