mercoledì 17 novembre 2010

Palazzo Massimo Istoriato

In un vasto territorio della IX regione augustea, occupato dai resti delle terme e dello stadio di Agrippa, del teatro di Pompeo e dello stadio di Domiziano, una delle famiglie più antiche di Roma quella dei Massimo costruisce i suoi palazzi formando un vero e proprio quartiere. Sulla cavea dell'Odeon di Domiziano alla fine del '400 viene edificato palazzo Massimo Istoriato la cui facciata in una ristrutturazione del 1523, in onore delle nozze di Angelo Massimo con Antonietta Planca Incoronati, viene arricchita con pitture monocromo eseguite dagli allievi di Daniele da Volterra guidati da Nicolò Furlano, il suo nome sembra esser venuto fuori nel 1877 durante un restauro delle pitture a cura di Luigi Fontana. Il palazzo si trovava accanto alla "domus antiqua" un vecchio edificio chiamato anche "del Portico" appartenuto a Domenico Massimo, occupato e bruciato dai Lanzichenetti nel 1527 durante il Sacco di Roma e fatto ricostruire dal figlio Pietro nel 1532 con il nome di palazzo Massimo alle Colonne su progetto dell'architetto Peruzzi. Oggi palazzo Massimo Istoriato e palazzo Massimo alle Colonne, grazie alla costruzione di una porta di comunicazione interna creata nel XIX secolo ad opera di Camillo Massimiliano e Carlo Massimo, formano un complesso unico con una facciata che sporge su piazza de'Massimi e una che sporge su corso Vittorio Emanuele II, (l'antica via papale che portava i pellegrini a S.Pietro).


Palazzo Massimo Istoriato è anche conosciuto con il nome di palazzo di Pirro a causa del ritrovamento durante gli scavi di fondazione di una statua che erroneamente fu identificata con la figura del condottiero Pirro e che in realtà rappresenta il dio della guerra Marte.


Il nome di palazzo Massimo alle Colonne deriva invece dalle colonne presenti sul luogo prima della sua costruzione.






Colonna di cipollino dell'Odeon di Domiziano, ritrovata frammentata e ricomposta  a piazza de' Massimi.


Capitello corinzio della colonna



Le pitture di palazzo Massimo Istoriato rappresentano scene del Vecchio e Nuovo Testamento, come "Lo sposalizio della Vergine", "L'uccisione di Oloferne", Una scena della vita di Esther" e "Un combattimento"







Finestra architravata del primo piano.


Portale principale rinascimentale di palazzo Massimo Istoriato.


Prima porta ad arco ribassato di palazzo Massimo Istoriato, con l'iscrizione "Camillus Maximus".


Seconda porta ad arco ribassato di palazzo Massimo Istoriato, con l'iscrizione "Restituit Ad MDCCCLXXVII".


Dal 1467 al suo interno fu ospitata la prima stamperia romana di Arnold Pannartz e Conrad  Schweynheim che pubblicarono le "Epistulae Familiares" di Cicerone e il "De Civitate Dei " di Sant' Agostino, libro in cui si legge la frase: "in domo Petri de Maximis" ovvero "nella casa di Pietro de Massimi". Nel 1472 arrivarono a stampare 12.475 volumi.

© Sciarada

13 commenti:

  1. garzie per la meravigliosa presentatione! complimenti

    RispondiElimina
  2. Sono rimasta molto colpita dalle pitture di questo antico palazzo,sono davvero molto suggestive.

    RispondiElimina
  3. Lovely pictures with incredible history. have a nice evening, J

    RispondiElimina
  4. Uhm.... mi fanno venire una grande tristezza queste cose: l'ignorante abbandono dei palazzi preziosi e ricchi di storia, di cultura... credo che certi luoghi dovrebbero essere riguardati molto meglio e con tanta più cura.
    Un grande abbraccio Sciarada!
    Ziamame

    RispondiElimina
  5. Una storia famiglia e un'architettura affascinanti.
    Un incanto quello scorcio d'interno (non mi è ben chiaro se è un terrazzo o un rientro della costruzione).
    Condivido anche quello che di Ziamame, quella malinconia che nasce dall'osservare quanta incuria verso la bellezza di cui siamo ricchissimi.
    E' bello ritrovare nei blog come nel tuo questa grande sensibilità verso l'arte e la bellezza che ci circondano.

    RispondiElimina
  6. Abbiamo i più bei parcheggi del mondo ...

    RispondiElimina
  7. Amazing old building with wonderful facades and sculptures.. Thanks for sharing !

    RispondiElimina
  8. Même si ce n'est pas en très bon état, c'est très beau.

    RispondiElimina
  9. Thank you for sharing more of the history in your beautiful country/area. I enjoy history ---and seeing the photographs make it come 'alive' for me. Thank You so very much... It's hard to imagine how life was in the 1400's. Great history lesson and pictures!!!! WOW!
    Hugs,
    Betsy

    RispondiElimina
  10. Olá Sciarada, interesting story. It is interesting to see that history can also be told through the works of architecture and historic buildings. It is a pity that here in Brazil we have people who do not value it. See you soon.

    RispondiElimina
  11. Nice shots and a great explanation. You have such an amazing history there, it's nice to see it appreciated.

    RispondiElimina
  12. Bellissimi dipinti. .. come sempre conosco così poco di Roma che quasi me ne vergogno.
    La prossima volta mi accomoagnerai a visitarla!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...