venerdì 25 giugno 2010

" Il Porcino della Minerva"

Quest'opera di Gian Lorenzo Bernini si erge nel rione Pigna di Roma e inizialmente venne chiamata popolarmente "Porcino della Minerva" perché per i romani l'animale scolpito, più che ad un elefante, assomigliava ad un piccolo maiale; successivamente fu anche chiamato anche  "Pulcin della Minerva".


La sua esistenza è legata essenzialmente al luogo in cui si trova perché al tempo degli antichi romani qui sorgevano tre templi : il Minervium di origine domiziana dedicato a Minerva Calcidica, l'Iseum dedicato a Iside e il Serapeum dedicato a Serapide; sui resti del tempio di Iside venne costruito un convento per i domenicani che nel 1665 scavando nel giardino scoprirono un obelisco (gemello di quello Macuteo che si trova non molto distante in piazza della rotonda davanti al Pantheon) e  papa Alessandro VII, in accordo con i frati che non volevano che il reperto  fosse allontanato dalla loro casa professa, decise di farlo erigere sul sito dell' attuale piazza della Minerva.


Padre Paglia, un architetto domenicano propose un progetto in cui l'obelisco che reca incisioni su tutti e quattro i lati,  dedicato al faraone Hofra del VI secolo a.C. che viene nominato anche nelle Sacre Scritture:
"Ecco, io darò il Faraone Hofra, re d'Egitto, in mano dei suoi nemici, in mano di quelli che cercano la sua vita, come ho dato Sedekia, re di Giuda, in mano di Nebukadnetsar, re di Babilonia, suo nemico, che cercava la sua vita."
Ger. 44,30

doveva sormontare sei piccoli colli in onore dello stemma dei Chigi, famiglia alla quale Alessandro VII apparteneva e quattro cani, uno per ogni angolo, per rappresentare la fedeltà dei "Domini canes" ovvero dei domenicani - cani del Signore. Il Papa però non approvò il progetto perché voleva un simbolo della "Divina Sapienza" per rendere omaggio a Cristo, pertanto fu chiamato   Gian Lorenzo Bernini, che ispirato da un romanzo del XV secolo di Francesco Colonna "l'Hypnerotomachia Poliphili - La battaglia d'amore in sogno di Polifilo", scelse la figura dell'elefante che sembrava perfetto per rappresentare simbolicamente la forza e per sorreggere strutturalmente l'obelisco. Padre Paglia però contrastò l'idea del Bernini di scolpire l'elefantino senza una base sottostante, asserendo che : 
"Niuno perpendicolo di pondo non debi sotto a sè habere aire overamente, perché essendo  intervacuo non è solido ne durabile" -
"Nessun peso perpendicolare deve poggiare sul vuoto perché non è ne solido ne duraturo",
e il papa ordinò che l'elefantino venisse supportato da una base.

  

Il Bernini cercò di coprire il supporto cubiforme facendo indossare all'elefantino una gualdrappa su cui era scolpito lo stemma dei Chigi, sei monti sovrastati da una stella a otto punte, ma non riuscì rendere più leggero il senso di pesantezza dell'opera.


Nel disegno definitivo del Bernini che fu poi realizzato dall'allievo Ercole Ferrata nel 1667,  l'elefantino porgeva le terga con la coda spostata di lato e la proboscide al convento dei domenicani,
 
  
"sottigliezza" questa che non sfuggì a Monsignor Sergardi che con lo pseudonimo di Quinto Settano scrisse questo epigramma:
"Vertit terga elephas versaque proboscide clamat: Kiriaci frates hic ego vos habeo" -
"L'elefante volge le terga è grida con la proboscide rivolta all'indietro: fratelli del Kirie io vi ho qui"


Sui lati del cubo si legge:
"Alessandro VII, l'antico obelisco, monumento di Pallade Egizia, venuto fuori dal suolo ed eretto nella piazza dedicata a Minerva e ora  alla Madre di Dio, nell'anno 1667 dedicò alla Divina Sapienza." 
Scritto da Alessandro VII


"Oh, tu, che vedi trasportati qui da un elefante, il più forte tra gli animali, i geroglifici del sapiente Egitto, comprendi l'ammonimento: è necessaria una robusta mente per sostenere la solida sapienza."
Scritto da Alessandro VII


 Stemma papale


Sulla destra si può vedere parte dell'ex convento dei domenicani, oggi biblioteca del senato dedicata a Giovanni Spadolini.

© Sciarada

8 commenti:

  1. poor elephant, it is complaining about the weight of the obelisk.

    New Zealand's All White was out last night. My son thinks Brazil will win. What do you think?

    RispondiElimina
  2. Ciao M.A. Grazie per le bellissime foto completate da una dettagliata ed interessantissima descrizione.

    RispondiElimina
  3. La torre è nobile.
    Tutta la città è una bella opera d'arte.

    Grazie.
    ruma

    RispondiElimina
  4. Nice elephant carrying an obelisque.

    RispondiElimina
  5. I collect elephants, so this picture are the right things for me.

    RispondiElimina
  6. Nice to meet you! Nice blog and pictures of Rome!

    RispondiElimina
  7. Nice picutres and so many details.
    Thanks for visiting my blog:-)

    RispondiElimina
  8. Ciao cara,
    come va? spero bene!!!
    Sono stata tante volte a Roma, ma tutte le volte l'ho vista talmente di corsa da essermi persa sempre qualcosa. Non conoscevo la storia e nemmeno l'architetto che progetto questo monumento. Post molto interessante anche perchè la prossima volta presterò attenzione anche a questo.
    Un abbraccione e buon fine settimana

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...